#134 - 21 settembre 2015
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1° lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo č cosě alto da giustificare metodi cosě indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il piů piccolo degli animali č una delle piů nobili virtů che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerŕ  a massacrare gli animali non conoscerŕ  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo č il piů crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si č capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Humour (non sempre) per riflettere

Tempi...moderni?

Elucubrazione europea

Diritti

di Giuseppe Sanchioni

DirittiDiritti

Quando la realtà supera la fantasia. Ricordate il film in cui Totò, con la complicità di Nino Taranto, vendeva la fontana di Trevi al “paisà” il quale poi si sentiva in diritto di riprendere il ragazzo che recuperava le monete nell’acqua perché quei soldi erano suoi in quanto proprietario del monumento? Erano gli anni ’60 del secolo scorso eppure nel secolo attuale sta succedendo qualcosa di simile.

Il Parlamento Europeo, sì proprio l’organismo formato dalle persone che dovrebbero risolvere l’emergenza migranti, si occupa anche della “libertà di panorama” cioè della possibilità da parte dell’autore o del proprietario di una costruzione, come un ponte, un grattacielo, un monumento o una statua, di richiedere i diritti di riproduzione al malcapitato turista che la vuole fotografare o, peggio, filmare. Facendo leva sul fatto che ogni turista è obbligato a fotografare perché quella è la dimostrazione che è stato effettivamente lì, è il suo alibi per quando ritorna in ufficio.

DirittiDiritti

Poi ci sarebbe da stabilire se si pagano i diritti solo di quello che compare sullo sfondo ed effettivamente è panorama oppure anche per le cose che stanno in primo piano, che teoricamente non sono panorama.
E se i turisti si facessero firmare una liberatoria dal monumento?
Argomenti per schiere di avvocati.
I nostri sarebbero subito tentati di istituire un’apposita Authority dei panorami, con annesse poltrone e gettoni presenza, che abbia lo scopo di stabilire le tariffe adeguate. Per la felicità dei nostri sindaci, che sempre alle prese con qualche forma di deficit e sempre alla ricerca di qualcosa da tassare, reclamerebbero giustamente la loro parte di diritti.

A questo punto mi piacerebbe invece che le associazioni dei consumatori facessero lobbying per ottenere al contrario che gli autori o i proprietari delle costruzioni paghino i diritti ai turisti per le foto scattate che portate in giro per il mondo fanno loro pubblicitĂ . Non sempre meritata.
Per ora rimaniamo in tranquilla attesa dell’apposita Direttiva che normalizzi il tutto rendendolo opportunamente burocratizzato. Poi si vedrà…

DirittiDiritti

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit č realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessitŕ di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietŕ tra singoli e le comunitŕ, a tutte le attualitŕ... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicitŕ e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertŕ di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.