#128 - 11 maggio 2015
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero rester in rete fino a venerdi 3 giugno quando ceder il posto al n 274. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere uno che vi presta l'ombrello quando c' il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente che si pu fare l'imbecille, mentre il contrario del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Parchi e oasi dello spirito

Monaci Benedettini Sublacensi

San Pietro Di Sorres Borutta - Sassari

Abbazia Di San Pietro Di Sorres

di Dante Fasciolo

Abbazia Di San Pietro Di SorresAbbazia Di San Pietro Di SorresAbbazia Di San Pietro Di Sorres

Da Sassari con la statale numero 131 fino al bivio per Bonnànaro, poi con la provinciale a Borutta e si sale all'Abbazia; in treno si scende alla stazione di Giave e si prosegue con un autobus locale.
Edificata su di un colle oltre 570 m, in posizione isolata, tra i rilievi della regione del Logudoro, l'Abbazia sorse probabilmente nei secoli 11º o 12º in diretto rapporto con Roma.
Di qui infatti deriva il suo nome di San Pietro. Forse si trattava di una cattedrale-fortezza, preposta alla difesa materiale e spirituale dei paesi attorno. Fiorì nei secoli seguenti fino al 1503, quando Giulio secondo unì definitivamente la diocesi sorrese a quella di Sassari.
Abbandonato, il complesso abbaziale andò in rovina. Nel 1950 iniziarono i lavori di restauro, portate avanti dai monaci benedettini provenienti da San Giovanni Evangelista di Parma. Restaurata la Chiesa e costruito l'attuale Monastero, divenne priorato nel 1967 e Abbazia nel 1974.

Abbazia Di San Pietro Di SorresAbbazia Di San Pietro Di SorresAbbazia Di San Pietro Di Sorres

La basilica (1170-1200) è un gioiello romanico, gotico e pisano. Arabesco visibile sia nella facciata e nell'interno, entrambi segnati da fasce bicolori. Le arcate romaniche ritmano le tre navate e la volta a crociera. Il presbiterio è rialzato da cinque gradini e l'ambone gotico risale al 1300.
Vi si trovano: alcuni sarcofagi, frammenti dell'altare originario e una statua in legno della Madonna d'alta epoca. Dall'antica sacrestia si passa al nuovo Monastero con la sala capitolare, decorata con la Via Crucis di Aligi Sassu, e con un chiostro dove vi sono alcuni reperti del complesso antico.

Abbazia Di San Pietro Di SorresAbbazia Di San Pietro Di SorresAbbazia Di San Pietro Di Sorres

I fedeli possono partecipare alla vita liturgica del Monastero seguendo lo stesso orario della comunità benedettina. Si festeggia San Pietro il 29 giugno, San Benedetto l'11 luglio, Natività di Maria l'8 settembre. Ai primi di luglio si svolge una settimana di aggiornamento biblico-teologico-liturgico-morale. Dopo il Ferragosto si tiene una settimana di formazione liturgico-musicale. Si organizzano concerti vocali, specialmente cori polifonici sardi, e d'organo. Ospitalità: è aperta a tutti coloro che desiderano condividere con i monaci alcuni giorni di preghiera personale liturgica nel silenzio nella pace monastica. Sono disponibili circa 30 posti letto. Nel Monastero funziona un importante laboratorio del restauro del libro ed anche un altro per la produzione di oggetti in pelle.

Abbazia Di San Pietro Di SorresAbbazia Di San Pietro Di SorresAbbazia Di San Pietro Di Sorres

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.