#128 - 11 maggio 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 22 giugno, quando lascerà il posto al numero 221. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi SATIRIKON: Se sei felice non urlarlo, il dolore ha il sonno leggero - Trovo che la televisione sia molto educativa, ogni volta che qualcuno l'accende vado in un'altra stanza a leggere un libro (G.Marx) - Non c'è nulla di più facile che smettere di fumare, io stesso ho smesso già 137 volte! (M. Twain) - Quando voglio prendere una decisione di gruppo, mi ricordo di specchi (W. Buffet) - L'alcol uccide lentamente. Non c'è problema, non ho fretta! (G. Courteline) - Quando dicono che lo fanno per il tuo bene, generalmente è per il loro - L'uomo ha inventato la bomba atomica ma nesun topo costruirebbe una trappola per topi (E. Eistein) - E' un peccato che peccare sia peccato (F. Collettini) - E' ridicolo come ti sei bardato per questo mondo! (F. Kafka) -
comunicazione

Una grande mostra omaggio all'ironia e all'humour di un grande vignettista

Pelanda - Roma

Satira & Sogni

In mostra 300 disegni di Sergio Staino

Satira & SogniSatira & Sogni

Sergio Staino - di cui il nostro giornale pubblica ogni settimana una vignetta tratta dal Diario Conoscenda edito dall'Editrice Conoscenza per portare un soffio di ironia e di humour, a volte amari, sulle vicende della nostra società - espone i suoi lavori alla Pelanda di Roma fino al 23 agosto.

Satira & SogniSatira & Sogni

La mostra Satira & Sogni, a cura di Maurizio Boldrini e Claudio Caprara, è stata presentata negli spazi dell'ex mattatoio in un incontro a cui hanno preso parte fra gli altri anche l'assessore alla cultura di Roma Capitale, Giovanna Marinelli, e il sovrintendente capitolino ai beni culturali, Claudio Parisi Presicce.

Satira & SogniSatira & Sogni

L'esposizione ripercorre i passaggi decisivi del lavoro artistico di Sergio Staino, con esposte cieca 300 opere tra disegni, acquerelli e lavori digitali, in un percorso affascinante che permetterà di cogliere le sfaccettature e le diverse fasi di uno dei massimi disegnatori e fumettisti italiani.

Satira & SogniSatira & Sogni

Fra i temi delle opere, come spiega lo stesso artista, anche società e politica, con un intero percorso che parte da lontano e arriva fino ai nostri giorni: dal rottamatore Renzi al 2 volte presidente Giorgio Napolitano, dal piazzista Silvio Berlusconi all'ex comico Beppe Grillo al Papa e all'immigrazione.
Negli spazi interni sono esposte tutte le più rilevanti opere dell'autore, dai grandi busti di personaggi protagonisti degli ultimi 30 anni di politica italiana: Pierluigi Bersani, Antonio di Pietro, Enrico Letta e Mario Monti; al mondo di Bobo, a partire dalle strisce di Linus degli anni Settanta.

Satira & SogniSatira & Sogni

La mostra si evidenzia anche come testimonianza morale e culturale dei drammatici fatti di Parigi, con un catalogo dedicato da Staino all'amico fraterno e fumettista Georges Wolinski, una delle vittime dell'attentato a Charlie Hebdo.

Satira & SogniSatira & Sogni

Lasciando libera la curiosità di vedere gli ultimi lavori inediti o poco noti presenti alla mostra, in omaggio al grande satirico riproponiamo alcune vignette che fanno memoria degli aspetti civili, sociali e politici del nostro tempo. In bocca al lupo, Sergio, per i prossimi 300 tuoi lavori.

Satira & SogniSatira & Sogni

APHORISTIKON - L'uomo che non ha sogni, non ha le ali per volare (C. Clay) - Da sempre in politica patrocinare la causa del povero è stato il mezzo più sicuro per arricchirsi (N. G. Davila) - Ciò che non giova all'alveare non giova neanche all'ape (Marco Aurelio) - Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto (B. Makeresko) - Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. ( M. Pantaleoni) - Il saggio, sdegna non di ridere, ma di deridere (A. Graf) - Il mondo è cominciato senza l'uomo, e finirà senza di lui (C. Levi Strauss) - L'impoverimento linguistico è, per un popolo, sintomo di decadenza (F. Collettini) - La natura non fa nulla di inutile (Aristotele) - L'oppresso che accetta l'oppressione, finisce per farsene complice (V. Hugo) - Serve un nuovo modo di pensare per superare i problemi creati da vecchi modi di pensare (E. Einstain) - Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi (W. Shakespeare) -