#126 - 13 aprile 2015
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascer il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Ambiente

A 20 Km, da Agrate Brianza a Viale Certosa, si incontrano decine e decine di capannoni e uffici in affitto, oltre a ruderi in abbandono e scheletri di capannoni incompiuti. Più di uno a Km, su entrambi i lati: centinaia di migliaia di mq a disposizione, in un’area già densamente occupata. Eppure c’è chi vuole costruire ancora sui pochi terreni liberi invece di incentivare il recupero, puntando su attività sostenibili

Aspetti presenti in vaste aree soprattutto del nord Italia

Consumo del suolo

Perché consumare suolo invece di recuperare?
Riflessione di Luca D'Achille che ha percorso la strada A4 Monza - Milano

Consumo del suoloConsumo del suolo

Il viaggio di andata: verso il capoluogo il territorio è sempre più consumato ma da tanti spazi inutilizzati Iniziamo il viaggio di andata partendo da Agrate e scoprendo il lato nord di questo tratto storico dell’autostrada A4 che va dalla provincia di Monza a Milano. Un’area che ha visto l’edilizia esplodere decenni fa, caratterizzata in particolare dalla costruzione di capannoni a lato dell’infrastruttura. Un’avanzata senza tregua che è arrivata fino ad oggi con la quasi completa saturazione del territorio.
Già prima di superare il casello si incontra la palazzina uffici della STAR. La parte produttiva visibile dall’autostrada è ancora attiva, la lunga palazzina di 2/3 piani dedicata all’attività amministrativa invece è da qualche tempo vuota.
Sulla corsia di ingresso, coperto dagli alberi, si intravede un vecchio edificio in stato d’abbandono. Si scorgono un terrazzo e delle rimesse nella parte inferiore. Nei primi chilometri di autostrada si incontrano in rapida successione un grande capannone in affitto, un altro spazio produttivo in vendita con uffici nella parte superiore e, alle spalle di questi, un grande cartello affittasi sulla parte superiore di un alto palazzo. E non siamo ancora usciti dal territorio di Agrate Brianza.
La situazione non cambia nè prima nè dopo la barriera di Monza. A Brugherio si incontrano altri capannoni in affitto a poca distanza dall’autostrada e due grandi costruzioni incompiute: due scheletri senza nemmeno le pareti, identici, 3 piani cresciuti in una stretta striscia tra un capannone esistente e l’autostrada, fermi da anni.

Consumo del suoloConsumo del suolo

A Cinisello Balzamo.si nota un grosso capannone in affitto e a Cormano, uno di fronte all’altro, un edificio con spazi commerciali in affitto e un lungo ed alto capannone, in vendita e/o in affitto.
Anche poco prima dell’uscita di Cormano un grande fabbricato da cui è stata rimossa, ma è ancora visibile, l’insegna dell’attività produttiva che lo occupava, risulta in affitto. Eppure poche centinaia di metri dopo, prima della stazione di servizio di Novate, c’è chi mette in vendita un’area edificabile, 5.000 mq, ovviamente, come dice il cartello, per realizzazioni di carattere “industriale”
Il viaggio di ritorno: si parte da Milano con lo stesso scenario Oltre a questi spazi, diversi edifici, tra cui capannoni e qualche vecchia cascina sopravvissuta, sembrano in abbandono o comunque non pienamente occupati e attivi. Per lunghi tratti poi le barriere antirumore coprono la vista nascondendo probabilmente altre situazioni simili.

Consumo del suoloConsumo del suolo

Prima di ripartire dallo svincolo autostradale di Viale Certosa in direzione opposta, notiamo che anche qui lo scenario è lo stesso. Cinque alte torri nascondono alle spalle le gru dell’area EXPO: a parte una torre diventata hotel, tanti spazi risultano da tempo vuoti. Così come sono in affitto altri uffici in un edificio di più recente realizzazione sul lato opposto del cavalcavia. Sempre percorrendo questo viale di raccordo con la città si incontrano uffici in vendita vicino ad un cinema, laboratori e capannoni a disposizione così come due diverse strutture multiuso con vetrine e spazi espositivi. Tutte queste strutture sono individuabili grazie ai grandi cartelli. Ripercorrendo l’autostrada in direzione opposta si incontra una grande area libera circondata da mura che fanno presagire una possibile urbanizzazione. Un’ex fabbrica domina l’uscita di Cormano: si tratta di un enorme rudere composto da diversi edifici, 13.700 metri quadrati, come si scrive in un articolo che racconta come da tempo l’edificio sia utilizzato solo per la realizzazione di grandi murales.

Consumo del suoloConsumo del suolo

Sempre a Cormano un cartello indica la vendita di una porzione di capannonementre, su una strada parallela, si individuano altri spazi in affitto e, poco più avanti, un altro grande capannone in vendita sul fronte dell’autostrada. La rampa di uscita di Sesto-Cinisello è costeggiata da 4 alti palazzi di almeno 5 piani. Un grande cartello indica uffici e magazzini di varie grandezze in affitto. Altri uffici in affitto si trovano poco prima della barriera di Monza presso un noto centro commerciale. L’ultimo tratto tra Brugherio ed Agrate è caratterizzato da capannoni quasi completati ma abbandonati: uno a Brugherio, ben 4 ad Agrate B. nella zona di Cascina Offellera, da almeno 8.000 mq totali. Si chiude in uscita ad Agrate con un’altra area in vendita di 6.000 mq con strutture e un parcheggio per camion.

Consumo del suoloConsumo del suolo

Nonostante l’evidenza si concedono ancora trasformazioni, invece di recuperare sfruttando opportunità che già ci sono: Aree dismesse, capannoni abbandonati e una distesa di cartelli di vendesi-affittasi di spazi produttivi e uffici eppure a breve distanza dall’autostrada, dove la situazione non è certo diversa, sono previste ulteriori trasformazioni di suolo libero e/o agricolo.
Come ricordano gli Ecologisti, da tempo la legge prevede lo sviluppo di Aree Produttive Ecologicamente Attrezzata (APEA) (art. 26 del decreto legislativo n. 112 del 1998). Quale miglior occasione per sviluppare tali aree non su terreni liberi ma recuperando aree esistenti? Come? Tramite accordi tra imprese e istituzioni (a livello regionale ma anche comunale o di ambito), avviando una gestione coordinata e prevedendo modalità incentivanti, come sgravi fiscali, semplificazioni procedurali e fondi dedicati ad attività pulite e sostenibili. Altre regioni, come l’Emilia Romagna, hanno già legiferato sull’argomento.
Oltre ad una boccata d’ossigeno per l’economia e per realtà in crisi come quella della produzione di fotovoltaico in Brianza, questa scelta sarebbe fondamentale anche per la valorizzazione e la conservazione del territorio.

Consumo del suoloConsumo del suolo

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.