#351 - 11 maggio 2024
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1° lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Fotografia

La folla

di Guido Alberto Rossi

Qualsiasi sia la tipologia della folla, è fotogenica e tutti i fotografi ne sono attratti come gli orsetti dal miele.

Ovviamente ci sono folle gioiose, folle per necessità e folle pericolose, quest’ultime non sono sempre prevedibili a priori, se vai allo stadio o ad una manifestazione, tutto può succedere nel giro di pochi minuti, cinicamente parlando, se diventano violente con risse e scontri con la polizia, possono diventare fotogrammi più vendibili che non gli ordinati e festosi tifosi sugli spalti o i manifestanti imbandierati che gridano slogan, pacificamente.

La folla

Ovviamente il fotografo che segue questi avvenimenti è pronto a tutto e quando prevede che ci sia la possibilità di disordini, si attrezza anche con casco e giubbotto pesante (anche d’estate) con scritto in grande PRESS, con la speranza che qualcuno legga e lo rispetti, senza pestarlo o sparargli.
Oggi invece succede spesso il contrario, il fotografo o il cineoperatore con la scritta, diventa un bersaglio.

La folla

Una volta possono essere i manifestanti che li pestano perché non vogliono farsi riprendere, specialmente se stanno saccheggiando o vandalizzando, perché possono essere riconosciuti, presi a posteriori e passare guai.
Altre volte possono essere i militari; provate ad andare a fotografare una manifestazione in qualche paese totalitario e scoprirete che da queste parti la polizia o l’esercito può anche spararti, pestarti e portarti in galera, senza carezze e complimenti.

La follaLa folla

Invece le folle dei mercati, feste popolari e strade trafficate, sono scattabili in tutta tranquillità nel 90% del mondo, il restante 10% sono quei paesi dove generalmente parlando gli abitanti non sono molto propensi a farsi fotografare.
Però nel 100% dei paesi, quando si fotografa in mezzo alla folla è bene stare attenti al portafoglio, telefonino ed eventuale zaino, perché le folle sono il luogo di lavoro dei ladri, compresi in quei paesi dove tagliano le mani ai malandrini.

La folla

Alle processioni religiose, sulla carta, il rischio dovrebbe essere zero, perché tutta la gente dovrebbe essere credente e rispettosa dei comandamenti divini, ma dubito che lo siano proprio tutti.
Le feste popolari, possono avere delle folle partecipanti, vedi Pamplona con la corsa dei tori per le strade, dove una piccola folla di matti corre per le strade insieme ai tori.

La follaLa folla

In questo tipo di folla, i soggetti per il fotografo sono moltissimi, vanno dai colori alle espressioni delle persone: basta vedere il Palio di Siena, dove tutti i tifosi della contrada vincente gioiscono e urlano di gioia, mentre tutti i tifosi di tutte le altre contrade, piangono e si disperano. In questa folla dai mille volti, si possono fare immagini fantastiche, senza troppa fatica.

La folla

Tra le tante folle, ci sono le folle degli avvenimenti sportivi, tipo circuiti, stadi e lungo le strade, quando passa il Giro D’Italia, queste folle in genere sono fatte da decine di migliaia di persone pacifiche e festose e sono tutte molto fotogeniche sia riprese a campo largo, che in dettaglio.

La folla

Ultimamente visti i successi di Jannik Sinner nel tennis, sono apparsi sugli spalti anche le donne e gli uomini carota; mentre nei gran premi d’automobilismo ci sono grosse macchie di colore rosso, formate dalla folla dei fan Ferrari e colore arancione dei fan di Max Verstappen.
Ma le folle dello sport in generale diventano l’incubo per quei fotografi che sono costretti a fare le foto della premiazione, e quindi devono rimanere fino alla fine della fine e poveretti saranno tra gli ultimi a tornare a casa.

La folla

La folla dei concerti invece è abbastanza omogenea, perché tutti i presenti amano l’artista a cui assistono e quindi non ci sono antagonisti o gruppi di colori diversi, molto gettonate le foto del momento in cui tutti i fan accendono la lucina del cellulare, mentre ultimamente non si vedono più foto di belle ragazze scalmanate come ai tempi di Elvis e dei Beatles.

La follaLa folla

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.