#120 - 16 febbraio 2015
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterŕ  in rete fino a venerdi 3 giugno quando cederŕ  il posto al n° 274. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere č uno che vi presta l'ombrello quando c'č il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente č che si puň fare l'imbecille, mentre il contrario č del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Editoriale

L'Inno

di Dante Fasciolo

Pochi italiani, si sa, conoscono l’Inno di Mameli.
Molti fingono di saperlo muovendo le labbra
se a cantarlo sono in un luogo pubblico
o in presenza della televisione,
così come fanno i calciatori schierati sul campo.

Tuttavia non si può negare che molti
conoscano almeno l’abbrivio dell’inno:
Fratelli d’Italia, l’Italia s’è desta…
Così come è facile ricordarne la fine:
Stringiamoci a coorte! Siam pronti alla morte; l’Italia chiamò.

Questo inno dovrebbe essere l’atto di fede che ogni parlamentare
e l’intero Parlamento dovrebbero sottoscrivere
e intonare ogni giorno all’inizio dei lavori assembleari.

Invece, la musica stonata del nostro Parlamento
recita ben altri drammi e nega le speranze dell’inno.
Proprio ora che timide prospettive di ripresa
s’affacciano all’orizzonte economico;
proprio ora che un giovane governo
di appena un anno di etĂ 
prova a risolvere problemi immobili da 50 anni,
proprio ora, la necessitĂ  di richiamare al dovere
di una lotta unita per saltare gli ultimi ostacoli,
proprio ora incomprensibili minacce, astute richieste,
funambolistiche ragioni diverse e contraddittorie
si uniscono per sbarrare il passo
al quel tentativo di rimettere in moto il paese
per ridargli almeno uno spicchio di dignitĂ 
nel consesso nazionale ed internazionale.

No, non si cambia, lasciamo ancora marcire i problemi…
è questo l’unico collante organizzato per impedire
quel cammino che il Parlamento dovrebbe accompagnare.

Nulla è perfetto e tutto è perfettibile, ma occorre intelligenza.
Intelligenza parlamentare, il che presuppone
preparazione, disponibilità, umiltà…
ma lo spessore politico di gran parte dei Parlamentari
purtroppo segna zero sulla pagella,
perché i miracolati che siedono sugli scanni del parlamento
sono solo dei guitti, e spesso mettono in scena
racconti peggiori dei peggiori guitti di borgata.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit č realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessitŕ di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietŕ tra singoli e le comunitŕ, a tutte le attualitŕ... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicitŕ e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.