#120 - 16 febbraio 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Cinema

Molti i film che aspirano

Whiplash

il Davide contro i Golia degli Oscar 2015

di Giada Gentili

"Whiplash" agli Oscar è Davide, poi ci sono i Golia: l'americanissimo “American Sniper”, le due magistrali biografie “La Teoria del Tutto” e “The Imitation Game”, lo stesso “Boyhood”, seppur girato in 39 giorni è giunto al cinema nel 2014 dopo 12 anni di aspettative, “The Grand Budapest Hotel”, “Selma”, e il favorito tra i favoriti “Birdman”. “Whiplash” è la prima opera di Damien Chazelle,regista 30 anni, che realizzò l'omonimo corto, dilungandolo poi per il grande schermo dopo un grande successo ai festival di mezzo mondo. Il film racconta la disperata ricerca del successo di un giovane batterista e del suo incontro, nella scuola newyorkese in cui studia, con Fletcher, insegnate plaesemente sergente-kubriano con cui stringe un rapporto al limite della sopportazione e della sopravvivenza.

WhiplashWhiplash

Fin dalle prime immagini è chiaro come la pelle di Nicole Kidman, che c'è una firma stilistica, una scelta precisa di cosa mostrare allo spettatore. I movimenti di camera a mo' di frustate che realizzò Tarantino in “Django”, in “Whiplash” corrispondono a quelli della batteria: colpi, contro tempi, battute scandite, velocità scelta con accuretezza, il film è una perfomance musicale a tutto tondo. Entrambi i protagonisti sono praticamente insopportabili, nessuno dei due è un eroe in senso tradizionale e nonostante la loro poca plausibilità in qualche modo riescono a creare empatia. Una fotografia giallognola a tratti fastidiosa eppure funzionale a ciò che vuole comunicare: senso di oppressione, angoscia, inquietudine. Il film è tachicardico ai livelli di un buon thriller, anche se alla fine perde un tocco di umanità.

Whiplash

Ciò che rimane più apprezzabile in "Whiplash" è la sua presa di posizione in qualunque scelta: dal cast tecnico a quello artistico, emerge la consapevolezza; quella che spesso manca in altre opere più possenti dal punto di vista economico e produttivo magari, vedi “Unbroken”, il film firmato Angelina Jolie, al quale manca una sceneggiatura, appunto, consapevole, o il fenomeno di questo febbraio (e forse dell'intero anno) “50 sfumature di grigio” che di consapevole ha sicuramente il segno del dollaro al botteghino.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.