#312 - 30 luglio 2022
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 2 dicembre quando lascerà  il posto al numero 319. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti (Papa Francesco) Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo (Alberto degli Entusiasti) Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Cultura e Società

a proposito di una ’lectio magistralis’ al Belvedere di Roccagrimalda

Emozioni

di Amanzio Possenti

Le emozioni, percorso di vita, cammino dell’esperienza in contrasto con la tecnica il cui apparato governa il mondo e l’umanità, itinerario esclusivo di ciascuno che, attraverso il loro apporto, si confronta, cresce o subisce a seconda dei momenti e delle situazioni, e che ci accompagnano e coinvolgono diventando materia viva del nostro viaggio umano, singolarmente e con gli altri in una realtà abbastanza sconosciuta.

Emozioni

Ne ha illustrato il senso e il rapporto, in una ’lectio magistralis’ al Belvedere di Roccagrimalda (Al ) Umberto Galimberti, filosofo, sociologo, docente universitario, saggista, nell’iniziativa culturale piemontese denominata ’Attraverso’, sostenuta dal Comune di Roccagrimalda e dal suo sindaco-artista Enzo Cacciola.

Se le emozioni sono da non perdere mai di vista e, scrive Francesca Angeleri su ‘Il Corriere di Torino’ presentando l’evento, rappresentano ‘ciò che proviamo e che, a volte, spesso rimane marginale se non addirittura posizionato nel rimosso’, è bene riconoscerle. Posto che trovano sede fin dai primordi nel ‘cervello antico’ e poi nella corteccia, esse si definiscono in vario modo, paura, disgusto, noia, amore, odio, violenza, empatia e sempre ci mettono alla prova e ci fanno vivere esperienze.

Talvolta la denominazione con la quale le definiamo non è esatta: ad esempio si è parlato a lungo di ’paura del covid’, di fatto era un’ ’angoscia’, una emozione verso una realtà dal riferimento generico non da rapporto diretto.
La tecnica, con la sua razionalità e il suo apparato, ci governa e la rete ci padroneggia, togliendoci empatia ed emozioni, che si proiettano come una sorta di disturbo; occorre conoscerne gli sviluppi.

A proposito della scuola, Galimberti sostiene che ‘insegna ma non educa’; c’è un vulnus di empatia, la mancanza di una relazione stretta fra professore e alunno, è assente un’emozione che crei e coinvolga.
E ancora: l’empatia viene meno nell’uso sistematico ed emozionalmente negativo del cellulare, utile senz’altro ma che aggiunge ‘razionalità tecnica’ ad un mondo dove, sostiene l’oratore, sarebbe possibile ’trovare la felicità nella ”schizofrenia”’.

Emozioni

E il futuro per i giovani? Manca lo scopo, diceva Nietzsche.
Le nostre speranze, i nostri auguri che ci rivolgiamo diventano gesti passivi, non potendo mai tornare indietro nel tempo e nelle cose.
Una relazione avvincente, questa di Galimberti, percorsa da profonda visione critica e intervallata da dotte citazioni da Platone a Kant a Freud in un firmamento filosofico ricco del desiderio di accompagnare il cammino dell’uomo sulla strada di una coscienza sempre più consapevole e autonoma.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.