#102 - 1 settembre 2014
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 agosto, quando lascerà il posto al numero 224. BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, PER VOI AMANTI DEGLI ANIMALI : E' una gran vergogna spargere il sangue e divorare le belle membra di animai ai quali è stata tolta violentemente la vita (Empedocle) - La caccia, se non è per la sopravvivenza, è una forma di guerra (J. W. von Goethe) - L'uomo si differenzia dagli animali perchè è assassino ( E. Fromm) - Torturare un toro per il piacere, per divertimento, è molto più che torturare un animale, è torturare una coscienza ( V. Hugo) - Un gatto non dormirebbe mai sopra un livbro mediocre (H. Weiss) - Il cane è la virtù che, non pogtendo farsi uomo, s'è fatta bestia (V. Hugo) - Se raccoglierete un cane affamato e lo nutrirete non vi morderà, ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) -
Avventura

Sette Vette Sette

Sulle cime dei monti più alti

i cinque continenti + due visti dall’alto
raccontati da Stefan Rier

di Dante Fasciolo

“…Ho raggiunto il mio obiettivo, senza perdere mai la fiducia in me stesso.” Invitato a raccontare, lo fa con un po’ di ritrosia, tipico di quanti custodiscono gelosamente una loro conquista e ne vogliono conservare tutti intatti i contorni che la loro mente e il loro cuore hanno tratteggiato con passione.

E di quale conquista si tratti nel caso di Stefan Rier, è di quelle non da poco: la scalata delle vette più alte dei cinque continenti a cui aggiungere l’Alaska e l’Antartide.

Sulle cime dei monti più alti

Tanzania (2001). L’Africa esercita da sempre una grande fascino per gli avventurosi di tutte le specialità; Stefan, insieme ai suoi amici di cordata, mira al mitico Kilimangiaro:Cinquemila ottocento novantacinque, in cima c’è un gran freddo: temperatura estrema. Abbiamo intrapreso l’ascensione di notte per giungere in vetta all’alba…goderla dall’alto e seguirla nella sua lenta e mutevole crescita fino all’espandere la sua luminosità…uno spettacolo che ci ha ripagato di ogni fatica.”

Sulle cime dei monti più alti

Argentina (2003). Sud America. Cerro Aconcagua”ci accoglie con furore: il ‘vento bianco’ fischia a 300 kilometri orari e trasporta neve…se ne accumula un metro in due ore, difficile spalarla, ma dobbiamo necessariamente fissare le tende, sorreggerle tenacemente…rintanarci e aspettare che il vento plachi la sua furia…siamo a seimila novecento sessantadue metri…ci vorrà del tempo…le gole, laggiù urlano spaventosamente”

Sulle cime dei monti più alti

Russia Europea (2005) emisfero nord: ecco El Rus“è il caso di dirlo…una montagna di neve! Non ne ho mai vista tanta in vita mia come qui, bianchissima e scintillante fin dalla Val Baskan che si attraversa per raggiungere la montagna alta cinquemila seicento quarantadue metri. Scalata e discesa con gli sci…quattromila metri di dislivello…una sfida difficile, entusiasmante…vinta!”

Sulle cime dei monti più alti

Indonesia(2006), Oceania . Un po’ più a destra, in basso…e siamo di fronte al Carstensz Pyramide . “ Nella giungla indonesiana abbiamo incontrato gli aborigeni…un utile scambio, un incontro tra culture…con loro abbiamo mangiato carne di cane e di pipistrello…la pioggia non accenna a desistere, ma non molliamo…c’è l’arrampicata da portare a termine…la vetta ci aspetta a quota quattromila ottocento ottantaquattro.”

Sulle cime dei monti più alti

Antartide (2007) Il Continente più ostile. “…*qui l’avventura si è fatta rischio estremo, abbiamo lottato in condizioni ambientali terribili: vento a 200 kilometri orari, pericolosissimi improvvisi crepacci mortali, temperatura inferiore ai 40° sotto lo zero…un solo obiettivo ‘sopravvivere’. Si, ma senza rinunciare alla conquista dei quattromila ottocento novantadue metri del Mount Vinson.”*

Sulle cime dei monti più alti

Alaska (2009) North America. “ *Abbiamo affrontato il gigante della tundra con spirito di pazienza: il Mount Mc Inley è a volte molto capriccioso: nebbia e freddo gelido cambiano repentinamente e l’aria è molto rarefatta…ci guarda imperioso, ma non ci lasciamo influenzare… Camminiamo a testa bassa, passo dopo passo, e di tanto in tanto misuriamo con lo sguardo la strada che rimane da fare…ci sono volute 10 ore buone prima di superare l’ultimo tratto e raggiungere la vetta a seimila cento novantacinque metri.”*

Sulle cime dei monti più alti

Immagino ve lo sarete chiesto anche voi: poteva mancare l’Everest?!?! …No, di certo.

Nepal (2011) Asia. Il sogno di tutti gli alpinisti è qui. Sollecito Stefan con la parola e con lo sguardo a raccontare, a farci partecipi, il suo volto si illumina d’improvviso, il gigante sprona i suoi ricordi, sembra voler dipanare il suo film, ogni fotogramma stampato in mente, ma porge solo poche parole per un riaffacciarsi della ritrosia, palese ora, quasi a volerci comunicare che il silenzio valga più di ogni parola… “ Abbiamo trascorso un mese e mezzo in un campo base a seimila metri, costante mancanza d’ossigeno, ogni passo una sofferenza.” Sembra ancora ansimare Stefan Rier l’intrepido… credo si sia allontanato da noi e sia ora entrato di nuovo nel suo viaggio: passo passo, fatica a fatica, col respiro mozzato…inavvertitamente manca un po’ anche a me il respiro, potenza della suggestione e del fascino delle cose raccontate…ecco, ancora una parola, sussurrata appena, con lo sguardo lontano, perduto…”…ottomila ottocento quarantotto...che gioia immensa vincere la vetta…”

PROVERBI ROMANESCHI - Rigalà èmmorto, Donato sta ppe' morì, Tranquillo se lo so n'groppato e Pazienza sta ar gabbio - La farfalla tanto gira al lume finchè s'abbrucia l'ale - Er gobbo vede la gobba dell'antri gobbi ma nun riesce a trovasse la sua - Oro e argento in core, mànneno a spasso fede, speranza e amore - Cent'anni de pianti nun pagheno un sordo de debiti - Qanno te sveji cò quattro palle, er nemico è alle spalle - Non sputà in cèlo che te ricasca 'n bocca! - Mejo puzzà de vino che d'acqua santa -