#284 - 24 aprile 2021
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi 24 settmbre, quando lascerà  il posto al numero 292. - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po di SATIRA: Il Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia (M. Twain) - Quando le cose non funzionano in camera da letto, non funzionano neanche in soggiorno (W.H. Masters) - L'intelligente parla poco, l'ignorante parla a vanvera, il fesso parla sempre (A: De Curtis) - Il sesso senza amore è un'esperienza vuota, ma tra le esperienze vuote è la migliore (W. Allen) - Per alcune cose ci vuole tanta pazienza, per tutte le altre c'è la gastrite (L. Limbus) - Non avere un pensiero e saperlo esprimere: è questo che fa di un uomo, un giornalista (K. Kraus) - Le banche ti prestano denaro, se puoi dimostrare di non averne bisogno (B. Hope) -
Editoriale

Dove è nata la civiltà, ora muore l'umanità

Mediterraneo

di Dante Fasciolo

Da sempre, ogni giorno all’alba, quando i colori sono tenui,
da qualche parte del Mediterraneo
inizia una lenta cantilenante melodia percepibile appena:
il risveglio del mare che tende le sue onde al tepore del primo sole
e libera il volteggiar d’aria fresca gelosamente custodita nella notte.
E piano piano ecco incalanarsi antichi flussi,
curiosi e saggi, alla ricerca di approdi possibili.

Ki-en-gi: dalla “terra dei signori della canne”
ecco giungere, insieme agli umori delle paludi,
scritture nuove e architetture sumeri che anticipano l’ocra del bronzo;
e dalle vittoriose o sconfitte città assire
il dono di epica poesia e decorazioni smaltate di sontuosi palazzi.
L’ultimo grido di Alessando Magno giunge da Babilonia
intenta a strappare agli dei i segreti degli astri;
e possenti navi fenici di cedro trasportano alle Colonne d’Ercole kinahnu:
il rosso porpora delle murici, gelosamente segreto,
e ancora, sul mare distendono alfabeto e bublo,
il mito di Adone e l’arte del papiro.
Infine, Egitto: il cielo immortalato sulla terra per un calendario di pietra.
Arte originale per pochi, e strumenti musicali idiofoni
capaci l’una e gli altri di evocare gli invisibili.

Da sempre volteggia una civiltà
in cerca di perpetuo ricordo di sé,
e riempie gli spazi del cielo, colora le acque, dà forma alle terre;
con discrezione si è insinuata nella coscienza degli uomini,
e pulsa nei loro cuori al ritmo di lontane emozioni.

Il Mediterraneo di oggi è costretto a dimenticare.
Altri pensieri ed altre esigenze solcano le sue acque:
antiche sopraffazioni impongono miseria e producono rabbia
e giovani generazioni schierano libertà e democrazia
contro insopportabili arbitrii e carri armati di morte.

Una diffusa impotenza, e una perseverante ignavia costruiscono spirali infinite,
si fanno scudo di giuridicismi e tacciono di fronte alla morte:
quella della giustizia, quella dell’uguaglianza, quella della verità;
quella di milioni di uomini inermi alla deriva.

Ora solcano le antiche acque fragili imbarcazioni per uomini senza meta,
e possenti navi d’acciaio con bocche di fuoco;
mentre tecnologici radar sorvolano l’azzurro inquieto
nella disperata difesa …di un qualcosa che nulla ha di umano,
piuttosto di intrichi, interessi e supremazie…
Libertà, giustizia e democrazia, negate fino ad oggi,
lo saranno ancora domani… affogate nella stesso Mediterraneo
che nel tempo remoto ha visto veleggiare sulle onde sapienza e civiltà.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.