#115 - 22 dicembre 2014
POETI ITALIANI - TRILUSSA (Carlo Alberto Camillo Mariano Salustri) LA CORNACCHIA LIBBERALE - Una cornacchia nera come un tizzo, / nata e cresciuta drento 'na chiesola, / siccome je pijo lo schiribbizzo / de fa' la libberale e d'uscì sola, / s'infarinò le penne e scappò via / dar finestrino de la sacrestia. / Ammalappena se trovò per aria / coll'ale aperte in faccia a la natura, / sentì quant'era bella e necessaria / la vera libbertà senza tintura: / l'intese così bene che je venne / come un rimorso e se sgrullò2 le penne. / Naturarmente, doppo la sgrullata, / metà de la farina se n''agnede, / ma la metà rimase appiccicata / come una prova de la malafede. / - Oh! - disse allora - mo' l'ho fatta bella! / So' bianca e nera come un purcinella.../ - E se resti così farai furore: / - je disse un Merlo - forse te diranno / che sei l'ucello d'un conservatore, / ma nun te crede che te faccia danno: / la mezza tinta adesso va de moda / puro fra l'animali senza coda. / Oggi che la coscenza nazzionale / s'adatta a le finzioni de la vita, / oggi ch'er prete è mezzo libberale / e er libberale è mezzo gesuita, / se resti mezza bianca e mezza nera / vedrai che t'assicuri la cariera.
Cinema

Riservare all’intero PianetaTerra il misero destino del “vuoto a perdere”?

l'apoteosi dell'usa e getta

Interstellar

l'ideologia che il film sottende oltre alla fantascienza
di Andrea Marciani

Breve sinossi: In un mondo morente un brillante ingegnere astronautico, disoccupato per chiusura NASA, si è dovuto riconvertire in agricoltore.
Nella società abulica e antiscientifica che governa il pianeta sopravvive, nascosto in un bunker segreto, un nucleo di scienziati, dedito alla nobile causa del viaggio spaziale. Un’entità misteriosa (loro) ha aperto un bucoverme (warmhole) nei pressi di Saturno e li invita a spedirci dentro un’astronave guidata dal nostro eroe, riaccendendo in lui la speranza di trovare una via di fuga per l’umanità.
Senza troppo “spoilerare”, l’impresa riesce e tutti vissero felici e contenti.

InterstellarInterstellar

Se voglio parlare di Interstellar l’ultima “perla” del regista americano Christopher Nolan, non è per fare le pulci alla congruità scientifica delle avventure astronautiche di Cooper (l’ingegnere di cui sopra).
Questo è un film di fantascienza, e le panzane paradossotemporali/antigravitazionali/pentadimensionalisono ammesse e tollerabili, malgrado i verbosi (e noiosissimi) tentativi di conferirgli un improbabile spessore scientifico con cui sono infarciti tutti i dialoghi.
Mi interessa di più scrivere dell’ideologia che il film sottende.

InterstellarInterstellar

In un mondo apparentemente desertificato (tempeste di sabbia) gli agricoltori a stelle e strisce continuano a coltivare monoculture di mais diserbato (quindi probabilmente transgenico). Il Mais è una coltura “idrovora”, prettamente utilizzata per l’allevamento intensivo (e una dieta di solo mais, alla lunga è tossica).
Lo fanno, in un mondo sovrappopolato (6 miliardi dice il suocero), con l’ausilio di mietitrebbie robotizzate (vastissime estensioni di terra senza un solo salariato) e questo malgrado la società abbia ripudiato la scienza, al punto da inserire nei libri di testo la ridicola teoria complottistica del falso allunaggio delle missioni Apollo (e un capitolo sulle scie chimiche no?).

Gli agricoltori americani non capiscono un tubo di ecologia, si sa, (guarda “More than honey” e trasecola) e ancora meno i loro registi che, invece di cercare consulenti tra gli astrofisici, farebbero bene a farsi aiutare da qualche bravo contadino biodinamico ad immaginare una società finalmente redenta dallo scientismo predatorio e ottuso di Monsanto & co.

InterstellarInterstellar

Per sfuggire al triste destino del pianeta morente, Cooper e figlia, con grande lena, si danno da fare per salvare l’Umanità, che alla fine del film si vede trasportata (tutti e 6 i miliardi o solo una scrematura di wasp benestanti?) in un' astronave a tubo (con profusione di pratini all’inglese, graziose villette di legno e musei commemorativi), in orbita intorno a Saturno, nell’attesa di trasferirsi su un pianeta nuovo di pacca.
L’autore ci spaccia tutto questo per un inno all’amore tra padre e figlia e tra l’Uomo e i suoi simili, ma quella che viene fuori è l’apoteosi della cultura nordamericana dell’usa e getta. (riservando all’intero PianetaTerra il misero destino del “vuoto a perdere”).

Purtroppo, l’Umanità è spinta principalmente dal desiderio del profitto, se fosse guidata dall’amore, amerebbe in primo luogo la Madre Terra, non ne farebbe carne di porco e si calerebbe serenamente nel proprio ruolo di “testimone” della bellezza del mondo su cui ha avuto il privilegio di nascere.
Le contrapposizioni “guardiano/esploratore” o “contadino/scienziato” su cui Nolan fonda tutta la trama del film, sono manichee e faziose, volte solo a enfatizzare la sua infantile scelta di campo.
(personalmente mi riconosco senza difficoltà in entrambi i ruoli e le imprese della sonda “Rosetta” mi appassionano quanto l’agricoltura biologica e la tutela del territorio).

InterstellarInterstellar

Non credo che si parlerà a lungo di questo film, nel complesso assai mediocre.
Io lo archivierò nello scaffale di quei film “made in USA” che sembrano commissionati dal Pentagono, accanto ai “Predatori dell’arca perduta” (ricordate la scena finale in cui l’Arca/bomba nucleare, faticosamente strappata ai nazisti, viene depositata in un enorme magazzino dove ce ne sono già impilate, quiete ma minacciose, a migliaia? Un vero manifesto del “suprematismo” nordamericano).

Per realizzare grandi cose non dobbiamo solo agire, ma anche sognare; non solo progettare, ma anche credere (Anatole France) - Ma tu chi sei che avanzando nel buio della notte inciampi nei miei più segreti pensieri? (William Shakespeare) - I cittadini della città terrena sono dominati da una stolta cupidigia di predominio che li induce a soggiogare gli altri; i cittadini della città celeste si offrono l'uno all'altro in servizio con spirito di carità (Sant'Agostino) - Il segreto dell'esistenza non consiste solo nel vivere, ma nel sapere per cosa vivere (Fedor Dostoevskij) - Non abbiamo bisogno, come dicono i giornali, di una Chiesa che si muova col mondo. Abbiamo bisogno di una Chiesa che muova il mondo (Gilbert Keith Chesterton)