#263 - 16 maggio 2020
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterà  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerà  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più¹ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Arte

L'artista Tania Kalimerova prosegue la serie

delle realizzazioni artistiche riferite al Covid-19

Come si è sviluppato il ciclo di collage

per testimoniare una sensibilità nuova

Un puzzle virtuoso

di Tania Kalimerova

Un puzzle virtuosoUn puzzle virtuosoUn puzzle virtuoso

"Meditazione e speranza"

Nella religione cattolica la meditazione è una forma di preghiera interiore ed è strettamente legata al pensiero e alla riflessione sulla parola di Dio. Inoltre il suo obiettivo è di riuscir concentrare l’attenzione su noi, seguendo sensazioni, pensieri, emozioni e percezioni sull’ambiente esterno per poter raggiungere un livello di maggior consapevolezza e calma interiore.

Vivendo questo momento difficile, è possibile attraverso la meditazione ridurre lo stress, l’ansia, la paura e molte volte anche la rabbia? Numerose sono le ricerche in questo campo che aggiunge la sua efficacia anche nella gestione delle differenti forme di dolore.

Un puzzle virtuosoUn puzzle virtuosoUn puzzle virtuoso

La meditazione significa riflessione. In questo momento della nostra vita diventa elemento indispensabile della realtà. Essendo chiusi a casa, è assolutamente necessario rinforzare la nostra capacità di lasciar riposare la mente nel suo stato naturale. È una pratica volta al miglioramento delle condizioni psicofisiche.

Per tutti noi, la speranza alimenta ogni cosa in ogni momento della nostra vita. E’ l’anticamera della felicità. E’ la parola di Dio che ha donato a ogni uomo. Non c'è medicina più efficace della speranza, nessun incentivo così grande, e nessun tonico così potente come l'attesa di qualcosa di positivo che accadrà domani.
Quale sarà il nostro domani?

Un puzzle virtuosoUn puzzle virtuoso

"oltre la speranza"

La fitta nebbia avvolge / la nostra disperata fiducia, / perdendosi nel tempo e cercando confusa /il coraggio di vivere.
I nostri sentimenti, emozioni perdute, / sfiorano la fiera dignità e coscienza in una / certezza di liberazione “oltre la speranza”.

Oltre la speranza” e il grido di dolore della coscienza dell’identità singola e collettiva.

Sconvolti di tante notizie, promesse aiuti, progetti, tutti con la tipica e buona dose di speranza, ma con inesorabile silenzio che resta e sembra a tutti noi una triste provocazione.
La complessità della realtà vede di protagonista l’ansietà e voglia di cambiamento del paese e principalmente del Sud che vuole recuperare la propria dignità senza dimenticare le proprie radici culturali e sociali, la realtà contadina con la sua profonda umanità. In questo clima di tensione il Sud esprime la sua stanchezza delle mezze misure, degli interventi a pioggia senza la dovuta progettualità ma anzi con la galoppante emigrazione, disoccupazione e lavoro nero.

Un puzzle virtuosoUn puzzle virtuosoUn puzzle virtuoso

In questa disperata situazione, il solo desiderio del Sud e solamente di vivere in una società moderna, democratica a dimensione d’uomo rifiutando l’idea di “due Italie”. Tutto ciò può diventare possibile solamente se si avrà l’accortezza di credere che “elevando il Sud si costruirà la vera identità e unità d’Italia”.
Per concretizzarsi tutto ciò c’e bisogno delle energiche decisioni degli uomini, ancora divisi tra portatori di speranza ed altri costretti, per sopravvivere, ad andare “oltre”.

Avvicinandoci alla fase due, la mente corre impaziente per ricuperare il tempo perduto facendo previsioni e progetti per raccogliere la triste eredità dai sopravvissuti.
Come sarà la nostra vita nella terza fase con le sperate investimenti e quella dopo, nessuno lo sa.
A questo punto, lasciamo l’augurio a tutti noi di avviarci verso una “nuova stagione”, ancor di più impegnativa e ricca di fatiche, ma “Oltre la speranza” con la dovuta coerenza e straordinaria concretezza.

Un puzzle virtuosoUn puzzle virtuosoUn puzzle virtuoso

"ombre nel silenzio"

Da bambina avevo paura del buio. D'altronde, più o meno, quasi tutti i bambini hanno paura. ora non ho più bisogno della luce lasciatami sul tavolino, avrei bisogno della luce della mia mamma, ma purtroppo si è spenta da tanti anni.

Le ombre, invece incuriosiscono. Ci accolgono in un mondo fantastico, un mondo di luce e cose tutte da scoprire.
Naturalmente senza luce non esisterebbero le ombre delle cose, non prenderebbero forme magiche, danzanti e misteriose.
All’invito a giocare mi affretto felice senza paura tra le vie della città eterna.

Un puzzle virtuosoUn puzzle virtuosoUn puzzle virtuoso

"prospettive desiderate"

Il Desiderio è lo stato del nostro “io” che consiste in un impulso diretto verso un oggetto oppure, possesso e la disponibilità verso qualcuno.
Secondo il nostro desiderio le sensazioni possono essere dolorose o piacevoli, a seconda della soddisfazione o meno dello stesso.
La mente riesce a rievocare in modo più o meno evanescente o realistico rispetto all’esperienza effettivamente vissuta.

Quando crediamo di saper qualcosa, dobbiamo sempre guardare anche da un altro punto di vista, da un’altra prospettiva.
E’ un buon modo di rimanere se stessi. Non si apprezza mai un posto finché non sia pronti per partire o ripartire.

La novità quasi sempre ci regala belle sorprese. Peccato che non lo capiamo, presi della quotidianità.

Un puzzle virtuoso

Quando ci accorgiamo che siamo in un momento difficile e sempre in salita, è il segno che dobbiamo cambiare qualcosa e intraprendere un’altra strada, un’altra direzione. Abbiamo paura dei capovolgimenti di vita, ma è proprio da quella nuova prospettiva che a volte iniziamo a vedere meglio. Molto spesso le cose belle sono accanto a noi.

In conclusione a tutte queste riflessioni ci domandiamo: quali sono le nostre prospettive desiderate nella seconda e soprattutto nella terza fase?

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.