#254 - 11 gennaio 2020
AAAA ATTENZIONE questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi prossimo 24 gennaio quando cederà il posto al nuovo numero 255. BUONA LETTURA A TUTTI - Ed ora SORRISINI - Attenzione, per arrabbiarsi si mettono in moto 65 muscoli! per sorridere solo 16! Fai economia, sorridi!!! - E' chiaro che i tizi che stanno seduti al bar alle 11 del mattino sanno qualcosa su come ci si guadagna da vivere che noi non sappiamo - Ho bisogno di emozioni forti...vado a leggere il mio estratto conto - Beati i vegetariani... che non possono mangiarsi il fegato - L'unico uomo capace di tenere sveglia una donna tutta la notte, porta il pannolino - Come si chiama...quando tutto va bene? Alcool, si chiama alcool! - Oggi la mia vicina ha urlato così forte a suo figlio che dalla paura mi sono messo a sistemare la camera pure io - L'unica che ti aiuta veramente nel momento del bisogno è la carta igienica
Piccoli Grandi Musei Italiani

"una cosa bella è una gioia per sempre"
John Keats

Limite sull'Arno (Firenze)

Museo remiero

di Alessandro Gentili

Museo remieroMuseo remiero

Sede della più antica Società Canottieri d’Italia, fondata nel 1861, e di numerosi cantieri navali, il museo di Limite sull’Arno ospita oggi una interessante collezione sulla cantieristica navale.
Il centro è nato per valorizzare il patrimonio di conoscenze legate alla cantieristica e al canottaggio tramandate per secoli dai navicellai limitesi, esperti nella conduzione delle imbarcazioni sul fiume e da tutte quelle figure professionali, i calafati, gli scafaioli, i segantini e i maestri d’ascia, che contribuirono alla nascita dei cantieri in un luogo così lontano dal mare.

Museo remieroMuseo remiero

I locali espositivi accolgono modelli in scala ridotta delle imbarcazioni che in passato venivano fabbricate in questa zona, documenti, foto d’epoca e strumenti di lavoro. Un’intera sezione è dedicata all’attività dei cantieri e alla cantieristica in genere.
Ancora oggi questo mestiere è molto importante nel territorio, tanto che il paese di Limite rappresenta uno dei centri più qualificati in tutta la Toscana, anche se molti cantieri si sono spostati sulla costa.
Tra gli oggetti esposto si conservano inoltre numero di trofei e foto degli atleti della Società Canottieri “Limite”che nel corso del tempo hanno ottenuto importanti risultati a livello nazionale e internazionale. La Società Canottieri “Limite” nacque nel 1861 in seno al locale Cantiere Navale Picchiotti per opera di un gruppo di operai e del titolare Picchiotti.

Museo remieroMuseo remiero

Già nel 1860 un gruppo di operai limitesi, che erano a costruire una draga in località Le Sieci, avevano dato luogo in Arno, durante una festa paesana, ad una gara con i barchetti. Al ritorno parlando di questo con il titolare del Cantiere decisero, visto il successo della manifestazione, di continuare con queste gare, e si costituirono così in associazione.
Museo Remiero è nato per valorizzare il patrimonio di conoscenze legate alla cantieristica navale e al canottaggio, ottenuto importanti risultati a livello nazionale e internazionale.

Museo remieroMuseo remiero

Del canottaggio, l’Italia ha appreso qualcosa dalle deliranti telecronache di Gian Piero Galeazzi, che ha saputo trasformare gli eroi di quello sport in un elogio personalizzato. Ricordo che si parlava più del Galeazzi che dei fratelli Abbagnale veri eroi nazional/sportivi: ne è divenuto un po’ l’emblema, il simbolo, l’alfiere di questo stupendo sport. Peccato che le riprese televisive si siano trasformate in un: “ A che ora parte Galeazzi?” (ero presente, ero in casa di amici, c’erano le Olimpiadi o i campionati del mondo, non ricordo bene) e tutta l’attenzione era passata dai canottieri al telecronista. Ricordo che, partita la gara, il gruppetto di amici con cui assistevo, non aspettava altro che gli ultimi 500 metri di gara dove il Galeazzi iniziava a strillare, ovviamente incurante della ….sportività di una gara.
Peccato, oggi si ricorda più il telecronista che i grandiosi fratelloni napoletani….

Museo remieroMuseo remiero

AFORISMI - Vivi come puoi, da momento che non puoi vivere come vorresti (Cecilio Stazio) - Perdiamo i tre quarti di noi stessi per essere come le altre persone (A. Schopenhauer) - La cultura è l'unico bene dell'umanità che, diviso tra tutti, anzichè diminuire diventa più grande (H.G. Gadamer) - La gentilezza è il linguafggio che il sordo può sentire e il cieco può vedere (M. Twain) - L'immaginazione è la prima fonte della felicità umana (G. Leopardi) - L'ignoranza è un vizio (Talete) - Se la pensi come la maggioranza il tuo pensiero diventa superfluo (P. Valéry)