#253 - 21 dicembre 2019
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte del giorno 27 gennaio quando lascer il posto al numero 300. ORA per VOI un po' di SATIRA - Finch ti morde un lupo, pazienza; quel che secca quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Iniziative

2020: Anno Internazionale delle Lingue Indigene Il contributo dei missionari comboniani allo studio e alla preservazione delle lingue locali nella loro opera di annuncio del Vangelo

Una mostra bibliografica divisa in sei sezioni: editoria storica, testi, foto, video che mostreremo nei numeri successivi del giornale accompagnandola fino al suo termine di esposizione

Roma - Lingue, Missione, Memoria

Dai Nuer ai Pokot

Quarta parte - le lingue riconosciute

Presentate attraverso testi di missionari e studiosi

Dai Nuer ai PokotDai Nuer ai Pokot

I Nuer, che chiamano se stessi Nath, sono una confederazione di popolazioni stanziate nel Sudan del Sud nella zona occidentale dell'Etiopia: formano uno dei più grandi gruppi etnici dell'Africa Orientale, appartenenti al Gruppo dei Nilotici e sono dediti prevalentemente alla pastorizia.
Sono stati oggetto delle ricerche sul campo svolte negli anni trenta del secolo scorso dall'antropologo britannico Edward Evan Evans-Pritchard, che operò nelle paludi e nelle savane del Nilo nella regione di affluenza del Sobat e del bahr al-Ghazal, per conto del governo del Sudan Anglo-Egiziano.

Dai Nuer ai PokotDai Nuer ai Pokot

I membri di ogni gruppo vivono in villaggi rialzati sui tumuli ai lati dei fiumi , strutturati a grappolo, i Kraal, durante la stagione delle piogge e si disperdono invece in accampamenti più piccoli durante quella secca, per dedicarsi alla caccia e alla pesca, attività che completano una dieta insufficiente di latte.
Le coltivazioni principali sono costituite dal miglio, anche se, nei pressi delle capanne, trovano spazio il mais e i fagioli, insieme al tabacco.
I Nuer in Sudan del Sud sono, approssimativamente 1.742.000.

Dai Nuer ai PokotDai Nuer ai Pokot

Dai Nuer ai PokotDai Nuer ai Pokot

Il popolo Pokot (anche scritta Pokoot) vive nella contea West Pokot, nella contea di Baringo in Kenia e nel distretto Pokot della regione orientale del Karamoja in Uganda. Essi formano una sezione dell’etnia Kalenjin e parlano la lingua Pokoot che è molto simile a Marakwetel, Nandi, Tuken e altri membri del gruppo linguistico Kalenjin. Il numero di coloro che parlano Pokot in Kenia è stato stimato a 783.000 (ultimo censimento 2009) mentre il numero di Pokot in Uganda è stimata in 130.000.

Dai Nuer ai PokotDai Nuer ai Pokot

Anche se i Pokot si considerano un solo popolo, sono fondamentalmente divisi in due sottogruppi in base ai mezzi di sussistenza. Circa la metà dei Poket sono semi-nomadi. Semi-pastoralisti che vivono nelle pianure a ovest e a nord di Kapenguria e in tutta la Divisione Nginyang, distretto di Baringo. Queste persone allevano bovini, ovini e caprini e vivono dei prodotti del loro bestiame. L’altra metà dei Pokot sono agricoltori che vivono sui monti Cherangani del Kenya.

Dai Nuer ai Pokot

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.