#237 - 22 marzo 2019
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterà in rete fino a venerdi 23 agosto, quando cederà il posto al n° 245. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Racconto

Da Assisi al mondo

San Francesco disegnato

Un racconto della vita del Patrono D'Italia - 1^ parte

GianMaria Polidoro - Lucio Trojano - Editrice Velar

di certosino

Un agile volume dedicato ai ragazzi con lo scopo di far conoscere la vita del Patrono d'Italia. Gli stessi sono sollecitati a colorare le pagine disegnate da Lucio Trojano e, staccandole dal volume, offrirle agli amici...contribuendo così a moltiplicare la diffusione del messaggio francescano.

Il linguaggio è semplice ed essenziale, le tavole sono esplicite ed evocative, e il nostro giornale offre volentieri, a puntate, il lavoro dei nostri due autori.

San Francesco disegnatoSan Francesco disegnato

Qui si racconta come Pietro di Bernardone, mercante di stoffe di Assisi, tornato dai mercati di Francia, trovò che il primogenito tanto atteso era nato da poco. Al piccolo Madonna Pica, sua sposa, aveva dato il nome di Giovanni che egli cambiò in Francesco.
Qui si racconta come il ragazzo Francesco andò a scuola dai preti (come si usava allora) nella vicina Parrocchia dove imparò a leggere, a scrivere e a far di conto.

San Francesco disegnatoSan Francesco disegnato

Qui si racconta come il giovane Francesco amava divertirsi con gli amici e le amiche nelle belle serate di Assisi e, invece di pensare al commercio, amava sognare di diventare cavaliere. Un giorno il padre lo punì e lo chiuse in un sottoscala. E la mamma lo liberò.
Francesco sognò un castello pieno di armi e pensò di diventare cavaliere.Poi comprese che doveva essere cavaliere in un altro modo quando, in San Damiano, ascoltò la voce del Cristo che gli parlò dalla croce e lo invitò a riparare la sua Chiesa.

San Francesco disegnatoSan Francesco disegnato

Francesco abbracciò il lebbroso e rivestì il povero col proprio vestito. Egli rinunciò anche a tute le ricchezze di casa davanti al vescovo di Assisi. Poi convinse Bernardo e Pietro ed Egidio a vivere come lui e servire Dio in povertà ed amore come scritto nel Vangelo.
Francesco riparò la chiesetta della Porziuncola e lì accolse i primi compagni. Vi accolse anche Chiara che po visse monaca in San Damiano seguita da due sorelle, dalla madre e da tante altre giovani donne che volevano servire Dio in povertà come Francesco ed i frati alla Porziuncola. (continua)

SULL'AMORE - L'amore ha le sue ragioni che la ragione non conosce (B. Pascal) - L'amore nasce di nulla e muore di tutto (A. Karr) - L'amore rende valoroso anche il codardo (Plutarco) - L'amore non va pronunciato, va dimostrato (Aphoriistikon) - Coloro che vivono d'amore vivono d'eterno (E. Verhaeren) - Amore non è amore se muta quando trova un mutamento (W. Shakespeare) - L'amore è la saggezza dello sciocco e la follia del saggio (S. Johnson9