#236 - 12 marzo 2019
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarrŕ  in rete fino alla mezzanotte del 10 dicembre quando lascerŕ  il posto al n. 297. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo č cosě alto da giustificare metodi cosě indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il piů piccolo degli animali č una delle piů nobili virtů che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerŕ  a massacrare gli animali non conoscerŕ  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo č il piů crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si č capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Poesia

Il magnifico contatto

di Anna Manna

Mentre cadeva a pezzi
il mondo
mi avvolse un gran desiderio di dormire
abbandonarmi al riposo delle emozioni
ero troppo stanca per organizzare
la difesa
un breve riposo
pensai mi salverĂ  dal crollo
e furoreggiavano i vulcani
isole lontane si dissolvevano nel nulla
palazzi sbriciolavano
la storia in mille pezzi
culture si scontravano
in impatti tremendi
e fui colta da un incredibile sonno ristoratore
mi piaceva addormentarmi sul palmo di una mano
una carezza improbabile
un enorme carezza sul viso
che si distendeva nel sonno
era così tiepido il grembo
del mondo
anche adesso che stava andando in frantumi
forse fui catturata da una bolla
di dolcezza
e mi lasciai cadere nel sonno profondo
cominciai a sognare
e t’incontrai
ti vidi
ti riconobbi
e il mondo cadeva crollava in mille pezzi
non sentivo i rumori
gli urli, l’orrore delle ferite
sembravano fiori che sbocciavano rossi di vita
Capii che ero in una difesa ad oltranza
“non posso far nulla per salvare il mondo”
Questo pensiero mi attraversò come una lama fendente
Ed allora mi abbracciai all’abbandono
E sussurrari timorosa
“Regalatemi un sogno, se la realtà è così tremenda
Se tutto crolla, se niente è più in piedi
Se niente mi somiglia
E non somiglia al mondo di ieri
Regalatemi un sogno...”
Non sapevo a chi chiedevo
Non sapevo se pregavo
Se balbettavo
Se ero stupidamente sciocca
Ma il sogno arrivò
Ci fu un contatto cosmico
Tra il vero ed il suo opposto
Tra la realtà e l’immaginario
Tra il tempo e la distesa infinita del tempo oltre
Ci fu un contatto
E bastò quell’attimo d’incredibile bellezza
Per guarire me
Ed il mondo intorno!

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit č realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessitŕ di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietŕ tra singoli e le comunitŕ, a tutte le attualitŕ... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicitŕ e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.