#234 - 19 gennaio 2019
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterà in rete fino a venerdi 23 agosto, quando cederà il posto al n° 245. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Editoriale

Pagella

di Dante Fasciolo

Dal Mali alla Libia, 4000 mila chilometri,
10 milioni di passi.
I primi, forse, lenti e incerti,
per non affrettare il distacco dai familiari,
dalla casa, gli amici, il villaggio, il paesaggio…
gli altri in fretta, per molto tempo,
perché la meta è lontana e le provviste insufficienti.

Poi passi lentissimi che affondano nella sabbia,
e sempre più faticosi sotto il sole e il chibli,
l’interminabile vento che deposita sugli occhi
e dentro gli orecchi la sabbia finissima,
fastidiosa eppur familiare, presenza che mitiga
la solitudine che avvolge dune sterminate.

Il fardello, benché sempre più leggero,
più pesante si fa, e aggrava il cammino
stremato e riarso…ma vivo di una speranza
che resiste nel cuore di chi reclama una vita.

Il ragazzo ha 14 anni, sale su un barcone
insieme a troppi disperati in cerca di pane e pace
e in cuor suo sente vicino il traguardo.
Ora, l’onda del destino lo trascina in fondo al mare,
e non potranno i sogni salvarlo.

Si, aveva un sogno, questo giovane del Mali:
aveva portato con sè, cucita e custodita
nella tasca di poveri indumenti
la sua brillante pagella scolastica,
il suo passaporto per il futuro, la prima pietra
per ricostruire in terra straniera un avvenire.

Che mortificazione per i nostri adolescenti,
viziati e svogliati, supportati da diseducativi
incentivi di famiglia, capaci solo di mostrare
la destrezza nei giochi sull’ipad…
ostentato come il loro passaporto al benessere
di cui si ignora provenienza e valore.

SULL'AMORE - L'amore ha le sue ragioni che la ragione non conosce (B. Pascal) - L'amore nasce di nulla e muore di tutto (A. Karr) - L'amore rende valoroso anche il codardo (Plutarco) - L'amore non va pronunciato, va dimostrato (Aphoriistikon) - Coloro che vivono d'amore vivono d'eterno (E. Verhaeren) - Amore non è amore se muta quando trova un mutamento (W. Shakespeare) - L'amore è la saggezza dello sciocco e la follia del saggio (S. Johnson9