#225 - 1 settembre 2018
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 28 settembre, quando lascerà il posto al numero 227 - Buona Lettura a tutti - ORA, per VOI un po' di AFORISMI
Humour

Un' occasione ghiotta per un umorista della stazza del nostro Lucio Trojano

In ogni dove della Capitale

Topi a Roma

Ancora scoponi e veleni contro i roditori

di Lucio Trojano

E' diventato un gioco da ragazzi, la caccia che i cittadini romani riservano ai topi di città. Ce ne sono a migliaia, di tutti le dimensioni: spavaldi e pasciuti s'aggirano intorno ai rifiuti che certo non mancano, ammonticchiati a ridosso degli appositi bidoni, o più semplicemente agli angoli dei palazzi o ai piedi di alberi incustoditi.
Dimenticati per un po' i ben più gravi problemi della città, giornalisti, poltronisti, pensatori di ogni risma si combattono con foga per accreditare idee e propositi: derattizzazioni profonde? avvelenamento tout court? sterilizzazione? non è escluso un interesse diretto di qualche ristoratore orientale...insomma in molti sulla faccenda romana si sono gettati a peso morto... è il caso di dire, come topi sul cacio.

Poteva mancare un racconto di un umorista... (attento e arguto come usa dire)... come Trojano? no, non poteva mancare!...e ho allungato la mia visione dedicata come sempre alla vignetta di apertura del giornale sforando qui, nelle pagine interne, per moltiplicare nei lettori - bando alla tristezza che incornicia il problema - un sorriso riparatore.

Topi a Roma

Topi a Roma

Topi a Roma

AFORISMI PER ANIME ALLEGRE - C'è un solo tipo di successo, fare della propria vita ciò che si desidera (H.D. Thoreau) - La vita, più è vuota, più pesa (A. Allais) - Tanto più grande è il potere, tanto più grande l'abuso (E. Burke) - L'invidia è una confessione di inferiorità (H.de Balzac) - Non con la colelra, col sorriso si uccide! (F. Nietzsche) - Colui che semina delitto e dolore, non può mietere né gioia né amore (Pitagora) - Dopo tutto c'è soltanto una razza: l'umanità ! (G. Moore) - Il povero ruba per fame, il ricco perchè insaziabile; il povero per sopravvivere, il ricco per sopraffare. (F. Collettini) E' l'ignoranza a rendere il mondo cieco (R. Quala) -