#224 - 4 agosto 2018
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1 lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo cos alto da giustificare metodi cos indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il pi piccolo degli animali una delle pi nobili virt che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuer a massacrare gli animali non conoscer ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo il pi crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Piccoli Grandi Musei Italiani

Isola Ischia

Museo del mare

di Alessandro Gentili

Il Museo del Mare di Ischia Ponte è un viaggio nella storia della marineria di Ischia.
Certo, lschia è un’isola di terra, un posto dove l’agricoltura ha dato da vivere ai suoi abitanti molto più della pesca, però questo non autorizza affatto a trascurare il peso storico di una minoranza “intensa” come quella dei pescatori locali.

Museo del mareMuseo del mare

Per rendersene conto occorre visitare questo piccolo spazio museale all’interno del settecentesco Palazzo dell’Orologio.
Sette sale su tre piani dove sono stati catalogati antichi strumenti per la navigazione e la pesca come telegrafi, bussole, scandagli, binocoli, esche, ami, totanare, fino alle attrezzature nautiche vere e proprie: timoni, eliche, ancore, oblò, lampade a olio.

Museo del mareMuseo del mareMuseo del mare

Non mancano poi francobolli, foto d’epoca, carte nautiche. Insomma, tutti i reperti con cui, in assenza di testimonianze scritte di rilievo, si ricostruisce la memoria collettiva di una comunità.
Vale per i pescatori di Ischia Ponte, Sant’Angelo, Forio, Lacco Ameno, Casamicicola, Testaccio, tutti uomini che affrontavano, e ancora affrontano, le asperità del mare trasformando in energia positiva, voglia di vivere, la condizione di precarietà che deriva dalla convivenza con un elemento ostico come l’acqua.

Museo del mareMuseo del mareMuseo del mare

Del resto per carpire immagini e momenti legati allo specifico stile di vita dei pescatori è sufficiente recarsi a prima mattina sulla banchina del Piazzale delle Alghe di Ischia Ponte, ad appena un centinaio di metri dal Museo del Mare. Ogni giorno (tempo permettendo) l’arrivo in porto di gozzi e piccoli pescherecci è salutato da una processione di acquirenti in trepidante attesa del pescato di stagione. Scene sempre uguali, eppure sempre diverse che raccontano degli uomini di mare di Ischia, dei loro volti scolpiti da vento e salsedine e delle loro mani tagliate dalle reti.

Museo del mareMuseo del mareMuseo del mare

Sul sito internet del Museo (www.museodelmareischia.it) c’è infine uno spazio dedicato ai racconti di mare. Simpatico lo “speciale” Padre Nostro recitato davanti “‘a cor’e zefere”, (trad. “coda del diavolo”) la tromba marina che i pescatori anticamente ritenevano essere segno tangibile del demonio.
Da qui la bizzarra consuetudine di sporgersi col sedere di fuori quando ne incrociavano una, appunto per far vedere al diavolo che loro, figli di Dio, non avevano la coda.

Museo del mareMuseo del mareMuseo del mare

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.