#223 - 21 luglio 2018
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrŕ  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerŕ  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, puň durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni piů importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchč" (Mark Twain) "L'istruzione č l'arma piů potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non č un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchč i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltŕ  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensě nella capacitŕ  di assistere, accogliere, curare i piů deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltŕ  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo č un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminositŕ , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
letteratura

Una poetessa, scrittrice, pittrice, fotografa

Da portare in vacanza per diletto e per riflettere

Adriana Soares - Poesie

Una poderosa raccolta di versi in quattro volumi

di Dante Fasciolo

“Un tempo circolare,/ un flusso tra coscienza e incoscienza,/ motore portante di immagini inconsuete./ Apparentemente involontarie./ Vive sotto e sopra tutte le cose./ Un tempo sotto traccia./ Un’ossesione./ Il tempo sopravvive il futuro,/ alla fine stessa./ Un frammento sarebbe capace/ di restituire la sua potenza./ Tempo immobile, / scandite da un ticchettio, che fluisce nel terrore./ Che scandisce la nostra vita./ Un obiettivo di una macchina fotografica/ aperto per anni ,/ da li, / confluiranno gli avvenimenti,/ le emozioni che hanno caratterizzato questa vita,/ fondendoli in un’unica immagine,/ sfocata,/ confusa,/ smarrita.”

Adriana Soares - PoesieAdriana Soares - Poesie

Sono i versi della prima poesia del primo libro di Adriana Soares il cui titolo “Attese e ritorni” si avvale di una indicazione, “essere una fiamma dentro una bottiglia”, quasi un faro per illuminare un cammino che si avvia con “Il Tempo” , un gioco tra otturatore e diaframma che fotografa in continuità il nostro modo di essere quotidiano.

Questa narrazione, pagina dopo pagina, verso dopo verso, scandaglia umori e sentimenti, rivendica sofferenze sublimandole in speranze, getta il cuore oltre ogni confine del possibile, per testimoniare, infine, quella sintesi cercata e rincorsa allo spasimo della volontà di riaffermare il senso della vita…ecco allora “Voglio vivere”, gli ultimi versi del quarto libro di poesie della brasiliana naturalizzata romana:

Adriana Soares - PoesieAdriana Soares - Poesie

  • “Voglio vivere lentamente,/ con calma/ camminare col naso all’insĂą,/ guardare agli uccelli che volano,/ indovinare la loro provenienza,/ dove saranno diretti. / Voglio prendere distanza dai ritmi frenetici,/ compulsivi della nostra epoca./ Voglio seguire col dito/ il tragitto di una foglia/ che fluttua,/ che si sposta a destra,/ poi a sinistra,/ si ferma per un attimo/ per un istante/ infinito./ Dove si poserĂ ? / Magari sul fiume,/ si traformerĂ  in una zattera./ Si farĂ  trasportare dall’acqua,/ dal vento./ Ci si lascia sempre guidare… / io voglio decidere/ voglio essere acqua,/ vento./ Aspettare il tempo,/ esser tempo./ Un tempo ancestrale,/ senza tempo./ come un ammasso di tronchi millenari,/ di alberi./ Di grossi corpi umani/ in lotta contro la fragilitĂ  della vita./ Esser corpi martoriati da ferite della storia./ Amplificate dalla presenza di bende sporche,/ consumate./ Tempo sotto traccia,/ Inesplorato./ Metafisico”.

Come non sentire esplicita e forte la capacità di cogliere della Soares aspetti presenti nella condizione umana dei nostri giorni filtrata attraverso squarci di reminiscenza del passato storico e del vissuto che accompagna le caotiche nostre stagioni infelici… e come non credere all’anelito che il tempo possa volgere al meglio e dismettere le “bende sporche” con le quali oggi noi tutti avvolgiamo e nascondiamo le ferite inferte alla carne e allo spirito dell’uomo – antico e moderno, passato e presente - per un’alba rischiaratrice che viene puntuale ogni giorno a ricordarci un' eternità umana da ricostruire con le nostre mani e la volontà del pensiero.
Si! Un invito a ciascuno a recuperare la dimensione piĂą viva di una esistenza ascritta al memorandum della vita.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit č realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessitŕ di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietŕ tra singoli e le comunitŕ, a tutte le attualitŕ... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicitŕ e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertŕ di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.