#222 - 7 luglio 2018
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 agosto, quando lascerà il posto al numero 224. BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, PER VOI AMANTI DEGLI ANIMALI : E' una gran vergogna spargere il sangue e divorare le belle membra di animai ai quali è stata tolta violentemente la vita (Empedocle) - La caccia, se non è per la sopravvivenza, è una forma di guerra (J. W. von Goethe) - L'uomo si differenzia dagli animali perchè è assassino ( E. Fromm) - Torturare un toro per il piacere, per divertimento, è molto più che torturare un animale, è torturare una coscienza ( V. Hugo) - Un gatto non dormirebbe mai sopra un livbro mediocre (H. Weiss) - Il cane è la virtù che, non pogtendo farsi uomo, s'è fatta bestia (V. Hugo) - Se raccoglierete un cane affamato e lo nutrirete non vi morderà, ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) -
archeologia

Una iniziativa dell' Associazione Culturale Teverenoir

Dall'Antica Roma

Reportage: Horti Sallustiani

Di Antonello Ghera

Reportage: Horti SallustianiReportage: Horti Sallustiani

Si è svolta, a cura dell’Associazione Culturale Teverenoir l’interessante visita al complesso monumentale degli Horti Sallustiani, una delle più imponenti costruzioni della città imperiale che a tutt’oggi rappresenta tutto ciò che rimane del più grande parco monumentale dell'antica Roma e che divideva il Quirinale dal Pincio.

Reportage: Horti SallustianiReportage: Horti Sallustiani

Realizzata dallo storico Caio Crispo Sallustio, la villa è tra le più lussuose realizzazioni dell'antica Roma.
Si sviluppa a circa 14 metri di profondità ed è formata da un’impressionante sala centrale coperta a cupola, simile al Serapeo di Villa Adriana a Tivoli, attorno la quale si articolano i vari ambienti della villa che si estendeva su buona parte del Quirinale.
Nelle pareti si aprono alcune nicchie; attraverso due di queste si accede a due ambienti laterali, forse dei ninfei (fontane monumentali).

Reportage: Horti SallustianiReportage: Horti Sallustiani

Suggestivo il sentiero articolato che permette di scendere nel complesso archeologico.
Una passeggiata poi nel Quartiere, alla scoperta di segni particolari, sempre presenti ma mai notati, ha permesso anche di capire l’evoluzione del Quartiere Sallustiano dall’Antichità all’Età Moderna, e quanto l’attività urbanistica dell’attuale Quartiere ne abbia radicalmente cambiata la situazione topografica soprattutto tramite il riporto di imponenti quantità di terreno, che hanno livellato e obliterato una profonda valle.

Reportage: Horti SallustianiReportage: Horti Sallustiani

PROVERBI ROMANESCHI - Rigalà èmmorto, Donato sta ppe' morì, Tranquillo se lo so n'groppato e Pazienza sta ar gabbio - La farfalla tanto gira al lume finchè s'abbrucia l'ale - Er gobbo vede la gobba dell'antri gobbi ma nun riesce a trovasse la sua - Oro e argento in core, mànneno a spasso fede, speranza e amore - Cent'anni de pianti nun pagheno un sordo de debiti - Qanno te sveji cò quattro palle, er nemico è alle spalle - Non sputà in cèlo che te ricasca 'n bocca! - Mejo puzzà de vino che d'acqua santa -