#221 - 23 giugno 2018
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 agosto, quando lascerà il posto al numero 224. BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, PER VOI AMANTI DEGLI ANIMALI : E' una gran vergogna spargere il sangue e divorare le belle membra di animai ai quali è stata tolta violentemente la vita (Empedocle) - La caccia, se non è per la sopravvivenza, è una forma di guerra (J. W. von Goethe) - L'uomo si differenzia dagli animali perchè è assassino ( E. Fromm) - Torturare un toro per il piacere, per divertimento, è molto più che torturare un animale, è torturare una coscienza ( V. Hugo) - Un gatto non dormirebbe mai sopra un livbro mediocre (H. Weiss) - Il cane è la virtù che, non pogtendo farsi uomo, s'è fatta bestia (V. Hugo) - Se raccoglierete un cane affamato e lo nutrirete non vi morderà, ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) -
Cinema

Casa del Cinema - Roma

Festa del cinema bulgaro

Undicesima edizione

Festa del cinema bulgaroFesta del cinema bulgaro

L’estate parla bulgaro. Cinema ispirato alla grande letteratura e al tema della Libertà all’undicesima Festa del cinema bulgaro a Roma.
Dopo il successo della Festa del cinema bulgaro a Roma che l’anno scorso ha firmato il suo decennale, la rassegna torna come tradizione alla Casa del Cinema dal 28 giugno al 1 luglio con un’edizione giocata fra letteratura e il grande tema della Libertà.
Fra i protagonisti di questa edizione Victor Bozhinov, Alexander Alexiev, Stefan Komandarev. Grandi scrittori come Gerghi Gsopodinov o autori di colonne sonore come Petar Dundakov.

Festa del cinema bulgaroFesta del cinema bulgaro

In apertura, alla presenza del regista Victor Bozhinov e della giovane star Alexander Alexiev, verrà proiettato Vazvishenie (Elevazione). Tratto dal romanzo omonimo di Milen Ruskov già vincitore del Premio europeo per la letteratura nel 2014, il film è ambientato nel periodo in cui la Bulgaria si liberò dal dominio ottomano (1877).

Festa del cinema bulgaroFesta del cinema bulgaro

Il protagonista è Gicho (Aleksander Aleksiev), un giovane che lotta con un gruppo rivoluzionario per coronare il sogno di vedere finalmente libero il proprio Paese. Dopo aver dato prova di coraggio in battaglia, Gicho viene scelto per portare avanti una missione speciale dal capo del gruppo, un episodio che spiana la strada a una serie di grandi avventure. La colonna sonora del film è firmata da Petar Dundakov, il cui nuovo disco per il Mistero delle voci bulgare con Lisa Gerrard sta ampiamente facendo parlare di sé anche in Italia.

Festa del cinema bulgaroFesta del cinema bulgaro

La stessa ambientazione storica del Risorgimento bulgaro, ma raccontata attraverso lo sguardo femminile viene presentata in Voevoda.
Tratto da un racconto di Nikolay Haitov, il film racconta di Rumena, una madre, siamo in pieno Diciannovesimo secolo ai tempi delle lotte contro il dominio ottomano, costretta ad abbandonare sua figlia e la sua casa e a sopravvivere in un mondo brutale dominato interamente da uomini assumendo il comando di un gruppo di ribelli che combatte nelle terre della Bulgaria conquistate dagli ottomani.

Festa del cinema bulgaroFesta del cinema bulgaro

Ampio spazio verrà riservato anche a Georghi Gospodinov, lo scrittore bulgaro più conosciuto in Italia grazie al romanzo Fisica della Malinconia che nel 2014 è stato finalista del Premio Von Rezzori e del Premio Strega Europeo.

Festa del cinema bulgaroFesta del cinema bulgaro

Il film-omnibus 8’19” anima sei brevi racconti di Gospodinov, firmati di alcuni dei più celebri giovani registi della Bulgaria, tra i quali Petar Valchanov (conosciuto in Italia con The lesson – scuola di vita e Glory, entrambi distribuiti da IWonderPictures) e Theodor Ushev, di cui verrà proiettato a seguire anche il cortometraggio d’animazione The blind Vaysha (candidato agli Oscar nel 2017), sempre tratto da un racconto di Gospodinov.

Festa del cinema bulgaroFesta del cinema bulgaro

In chiusura Directions di Stefan Komandarev (In concorso al 70. Festival di Cannes nel 2017, nella sezione Un certain regard).
Road movie ambientato nella distopica Bulgaria degli anni Duemila, un paese in cui regna l’ottimismo poiché tutti i realistici e i pessimisti se ne sono andati. Durante un incontro con il suo banchiere, un piccolo imprenditore che per mantenersi fa l’autista di taxi, scopre che la tangente che dovrà pagare per ottenere il prestito è raddoppiata.

Festa del cinema bulgaroFesta del cinema bulgaro

L’evento è organizzato dall’Istituto bulgaro di cultura a Roma, grazie al sostegno del Ministero della Cultura della Repubblica Bulgara e del Centro Nazionale di Cinematografia bulgaro.

PROVERBI ROMANESCHI - Rigalà èmmorto, Donato sta ppe' morì, Tranquillo se lo so n'groppato e Pazienza sta ar gabbio - La farfalla tanto gira al lume finchè s'abbrucia l'ale - Er gobbo vede la gobba dell'antri gobbi ma nun riesce a trovasse la sua - Oro e argento in core, mànneno a spasso fede, speranza e amore - Cent'anni de pianti nun pagheno un sordo de debiti - Qanno te sveji cò quattro palle, er nemico è alle spalle - Non sputà in cèlo che te ricasca 'n bocca! - Mejo puzzà de vino che d'acqua santa -