#221 - 23 giugno 2018
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 agosto, quando lascerà il posto al numero 224. BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, PER VOI AMANTI DEGLI ANIMALI : E' una gran vergogna spargere il sangue e divorare le belle membra di animai ai quali è stata tolta violentemente la vita (Empedocle) - La caccia, se non è per la sopravvivenza, è una forma di guerra (J. W. von Goethe) - L'uomo si differenzia dagli animali perchè è assassino ( E. Fromm) - Torturare un toro per il piacere, per divertimento, è molto più che torturare un animale, è torturare una coscienza ( V. Hugo) - Un gatto non dormirebbe mai sopra un livbro mediocre (H. Weiss) - Il cane è la virtù che, non pogtendo farsi uomo, s'è fatta bestia (V. Hugo) - Se raccoglierete un cane affamato e lo nutrirete non vi morderà, ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) -
Editoriale

Gradasso

di Dante Fasciolo

Anche questa volta ci viene in aiuto il vocabolario,
la parola che mi intriga è “gradasso”.
La memoria apre le pagine che furono studio
ma anche approccio comico e derisione
visto dal protettivo banco scolastico.
Dunque, Gradasso, Re di Sericana ,
misteriosa regione della sconfinata Asia,
si mette in testa di umiliare Carlo Magno,
sottrarre la spada Durlindana ad Orlando,
fare suo e cavalcare Baiardo, il cavallo di Rinaldo.

Impulsivo e sanguigno, forte della sua corazza incantata,
fanfaroneggia , millanta, minaccia e se ne vanta,
ricoprendo di sé pagine e pagine di un libro
che già nel titolo riporta la parola “furioso”.
Ed ecco che il pensiero corre veloce,
fra parole al vento e righe scritte con smargiassa ipocrisia,
ai gradassi dei nostri giorni
che imitano Gradasso nella speranza di acquisire titolo
per entrare nelle pagine dei libri di storia.
Ma si sa, l’Orlando Furioso è una storia di fantasia,
occorre una storia vera e ricercare la giusta vena
ove innestare il proprio credo.

Eccola, giusto 100 anni fà tre gradassi bontemponi
si cimentarono nell’impresa di cambiare il mondo,
e in qualche modo ci riuscirono; gulag e morte
per milioni di contadini , forni crematori per ebrei, rom e gay,
guerra civile e distruzione per il giardino d’Europa.
Certo non è facile eguagliare questi eroi protagonisti,
ma tentare qualcosa prima di morire a causa
della conquistata “Durlindana” come fu per l’antico eroe,
un posticino nell’albo ricordo può starci…!
Si, ma i nostri gradassi al massimo possono entrare
nel catalogo delle maldestre, inconcludenti imitazioni .

PROVERBI ROMANESCHI - Rigalà èmmorto, Donato sta ppe' morì, Tranquillo se lo so n'groppato e Pazienza sta ar gabbio - La farfalla tanto gira al lume finchè s'abbrucia l'ale - Er gobbo vede la gobba dell'antri gobbi ma nun riesce a trovasse la sua - Oro e argento in core, mànneno a spasso fede, speranza e amore - Cent'anni de pianti nun pagheno un sordo de debiti - Qanno te sveji cò quattro palle, er nemico è alle spalle - Non sputà in cèlo che te ricasca 'n bocca! - Mejo puzzà de vino che d'acqua santa -