#214 - 24 marzo 2018
AMICI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà a massacrare gli animali non conoscerà ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Teatro

Teatro La Cometa - Roma

La bottega dell'orefice

Dedicato ai giovani il grande tema dell'amore

L’opera di Karol Wojtyla “La bottega dell’orefice” approda in uno dei più belli e importanti teatri della Capitale, il Teatro della Cometa il prossimo 26 marzo.
L’iniziativa è promossa dal Vicariato di Roma, inserita a conclusione dei lavori assembleari che hanno visto coinvolte le chiese del Settore Centro, per una nuova promozione del settore, per un rilancio delle iniziative attente al popolo giovanile.

La bottega dell'oreficeLa bottega dell'orefice

Il testo drammaturgico di Giovanni Paolo II apre a un dialogo profondo con le nuove generazioni grazie al sempre “sentito” tema dell’Amore.
L’edizione, curata da Antonio Tarallo, che vede impegnati ancora una volta gli attori Chiara Graziano (nel ruolo di Teresa) e Filippo Velardi (nel ruolo di Andrea), presta attenzione particolare a una lettura metateatrale del testo, per evidenziare il carattere drammaturgico dell’illustre autore polacco. “Un Teatro che parla di Amore, attraverso l’Amore per il Teatro”, come riporta il comunicato stampa di presentazione dell’evento.

La bottega dell'oreficeLa bottega dell'orefice

E’ la vita di coppia a essere al centro del testo dell’Arcivescovo di Cracovia che diverrà Giovanni Paolo II.
Wojtyla parla chiaro in merito al percorso di fidanzamento e poi del matrimonio: la ricerca deve partire dalla singola persona, dal conoscere sé stessi (e quindi, nella visione di Uomo di Fede, nella relazione con Dio) per poter creare un patto saldo di comunione fra i due “attori” che agiscono nella coppia stessa: un “lui”, una “lei”.
Nell’edizione che si presenterà al pubblico, al Teatro della Cometa per il Vicariato di Roma, questo tono così “contemporaneo” sarà risaltato da un nuovo adattamento che cercherà di evidenziare proprio questo carattere sociologico-antropologico in relazione al Presente, al mondo dei giovani, rimanendo fedele – nel contenuto e nella forma (se non il taglio dell’ultima parte, quella denominata “I figli”) – al testo originale.

La bottega dell'oreficeLa bottega dell'orefice

PROVERBI ITALIANI - 1) A buon cavalier non manca lancia. - 2) A buon cavallo non manca sella. - 3) A buon intenditor poche parole. - 4) A caval donato non si guarda in bocca. - 5) A chi batte forte, si apron le porte. 6) A chi non vuol far fatiche, il terreno produce ortiche. - 7) A chi troppo e a chi niente. - 8) A chi ti porge un dito non prendere la mano. - 9) A goccia a goccia si scava la pietra- 10) A gran salita, gran discesa. -