#213 - 17 marzo 2018
AMICI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà a massacrare gli animali non conoscerà ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Televisione

Zapping

frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

A PresaDiretta si parla di omeopatia. Il programma di approfondimento giornalistico di RAI 3 condotto da Riccardo Iacona - giunto ormai, per quest’anno, alle ultime puntate - dedica un lungo servizio all’annosa disputa tra la medicina omeopatica e la cosiddetta medicina ufficiale. A detrimento della prima si tira in ballo l’effetto placebo, la mancanza di molecole attive nei preparati causata dalle ripetute diluizioni, la curiosa empirìa della dinamizzazione o succussione che dir si voglia.

Zapping

Posto che, per nostra esperienza personale, le terapie proposte dalle due prassi mediche alle volte si dimostrano efficaci, a volte un po’ meno, a volte per niente, ciò che è emerso dal programma, con nostro preoccupato sconcerto, è che gli omeopati – per lo meno quelli intervistati per l’occasione – affermano di non sapere quello che fanno né perché lo fanno. Alle domande insistenti e indagatrici del cronista qualcuno si schermisce affermando che non spetta a lui trovare spiegazioni, spetta alla scienza (la parola magica per antonomasia dei nostri tempi): insomma lui può solo affermare che l’omeopatia funziona, ma sta ad altri scoprire perché.
Un atteggiamento “sciamanico” che non è estraneo però neanche alla medicina “ordinaria”: di recente in un noto ospedale romano, abbiamo udito con le nostre indulgenti orecchie uno stimato specialista, infastidito dalle domande rivoltegli e dai dubbi palesati, dichiarare piccato: “Io sono il medico e voi i pazienti, ricordatevelo”. Alla luce dei vigenti paradigmi scientifici appare evidente che gli omeopati – che tali paradigmi mostrano di accettare in toto, perlomeno coloro che volentieri si espongono nella vetrina mediatica – saranno sempre costretti a inseguire – come condannati al mitico supplizio di Tantalo- un’irraggiungibile patente di credibilità.

ZappingZapping

Ma la settimana televisiva è stata, ovviamente, segnata dai noiosi postumi delle elezioni. E lo zapping ci porta, senza scampo, a scorazzare negli svariati salotti politici agitati da comizi post-elettorali, rimproveri, mea culpa, pistolotti, rassicurazioni, dubbi, compiacimenti, ubbìe eccetera. Salvini e Di Maio cantano vittoria; Renzi, invecchiato anzitempo, nuovamente pasticcia e questa volta ci lascia le penne; Berlusconi, dimidiato dalla sua ineleggibilità, segna il passo.
E immaginiamo, saltando sul canale eterico della fantasia, appena appena sbrigliata, il Presidente Mattarella, pensoso e accigliato, misurare a grandi passi una vetusta, luccicante stanza del Palazzo del Quirinale.

ZappingZapping

PROVERBI ITALIANI - 1) A buon cavalier non manca lancia. - 2) A buon cavallo non manca sella. - 3) A buon intenditor poche parole. - 4) A caval donato non si guarda in bocca. - 5) A chi batte forte, si apron le porte. 6) A chi non vuol far fatiche, il terreno produce ortiche. - 7) A chi troppo e a chi niente. - 8) A chi ti porge un dito non prendere la mano. - 9) A goccia a goccia si scava la pietra- 10) A gran salita, gran discesa. -