#206 - 18 novembre 2017
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1° lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Humour (non sempre) per riflettere

Tempi...moderni?

Videogame

di Giuseppe Sanchioni

Il dado è tratto: ormai anche per il CIO (Comitato Olimpico Internazionale) i videogame sono uno sport a tutti gli effetti. Gli smanettatori di joystick e consolle già sognano di partecipare a Parigi 2024.
Ebbene sì, giocare al computer è diventato uno sport: e non come noi che al massimo giocavamo a calcio balilla al bar d’estate tutto il pomeriggio. Ci accanivamo e sudavamo molto ma senza fare sport: forse non eravamo abbastanza virtuali. Oppure facevamo i campionati di tetris in ufficio all’ora di pranzo per seguire la dieta, ma senza nessun riconoscimento sportivo.
C’è pure chi si spinge più avanti sostenendo che questo riconoscimento aumenterebbe anche le possibilità lavorative. Infatti si aprirebbero prospettive per allenatori di videogamer, che dovrebbero essere degli allenatori statici da poltrona e mental coach, una di quelle cose (definite nuove professioni) che vanno tanto di moda oggigiorno, in un mondo dove ognuno ha bisogno di un aiuto mentale e di un accompagnamento psicologico pure per andare in bagno la mattina e dare il meglio di sé.
Comunque sembra che già alcuni sport, come la lega di basket USA, abbiano lanciato dei campionati virtuali mentre le leghe di altri sport, come il baseball ed il football americano, stiano preparando iniziative simili.

L’insana proposta “andiamo a dare due calci al pallone sotto casa”, con il rischio di essere investiti da una macchina oppure masticati dal terribile dobberman a guardia del cancello dov’è finito il pallone, va finalmente a scomparire sostituita dalla più tranquilla “inserisci il DVD di FIFA 15 che ci facciamo una partita”. Finalmente non ci saranno più mamme che si raccomanderanno di non sudare e di non rovinare le scarpe nuove. Non ci sarà più da fare la colletta per compare il pallone, quello gonfio rotondo in 3D. Non ci sarà più da trovare il campetto o il praticello per giocare: cosa questa che attualmente rappresenta la difficoltà maggiore, anzi a volte insuperabile.
Avremo un futuro di giocatori virtuali da salotto, tutti sovrappeso, e ci sarà bisogno di fare l’antidoping per scovare quelli che sono sotto effetto di Coca Cola o in overdose di Nutella per mantenere i ritmi di gioco.

Certo questa virtualizzazione ha anche altri effetti positivi. Per esempio potrai giocare a pallacanestro anche se sei alto come un puffo, oppure essere il capocannoniere di una squadra di pallanuoto anche se affoghi sotto la doccia. E poi alla fine della partita la doccia probabilmente non sarà neanche necessaria.
E così un’altra fetta di vecchio mondo se ne va. Prima le criptovalute, cioè le monete virtuali. Ora anche lo sport diventa virtuale. Che il nostro avatar ci protegga!

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.