#202 - 22 settembre 2017
AAAAAttenzione - Care amiche e cari amici lettori, dopo alcune difficoltà tecniche e qualche scontro con l'influenza, eccoci di nuovo con il primo numero del 2018 del giornale. Dunque, innanzi tutto un BUON ANNO a tutti, che sia veicolo di felicità, serenità, salute. Invitiamo tutti a seguirci e da parte nostra cercheremo di essere puntuali nelle uscite e capaci di proporvi notizie di vostro gradimento. grazie.
Humour

Tempi...Moderni?

Voci

di Giuseppe Sanchioni

Mentre in tutta Italia abbiamo i cervelli in fuga, a Roma per distinguerci abbiamo invece le voci in fuga. Ma non parlo di cantanti che emigrano a Sanremo.
Parlo piuttosto di un fenomeno noto ai pazienti frequentatori dei trasporti urbani della Capitale che, di autobus, uno ne riescono a prendere ma, di fesserie, cento ne riescono a sentire.
Soprattutto sui nuovi bus rossi si verifica questo nuovo fenomeno, che forse rappresenta un segno di questi nostri magri tempi: l’annuncio delle fermate fatto, forse per una fuga all’estero delle voci indigene, da una voce femminile (ma sotto cura ormonale) straniera che sbaglia tutti gli accenti (e non solo). Cioè siamo all’imbarbarimento della lingua come già avvenuto anni fa nel passaggio dal latino al volgare. Ed in effetti, più volgare di questo!

Per esempio, quando prenderete il 310 potrete scendere a Via Ippocràte e poi andare a prendere il 163 per scendere a Via Galla Plàcida.
Caro Ippòcrate di Coo e cara Galla Placìdia da Ravenna perdonàteli perché non sanno quello che dicono!
A questo punto, per adèguarmi ai tempi e un po’ perché a forza di àndare sul bus, ho comìnciato pure io a pàrlare così sarei tèntato di contìnuare a scrivère con tutti gli àccenti sbàgliati. Cònvinto che non è un èrrore, è solo l’evolùzione di una lingua viva.

Nei prossimi anni si prevede che l’evoluzione riguarderà i verbi. Non i congiuntivi che sono già stati abbandonati da decenni, la documentazione risale almeno ai tempi di Fantozzi, ma gli altri modi.
Chissà, forse per semplificare useremo soltanto l’infinito, che fa tanto esotico.

Dagli scritti di Don Lorenzo Milani Priore di Barbiana tratte dall'Agenda Conoscenda 2018 (Leggere anche Articolo "Una lettera da Barbiana" - Io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati da un lato, privilegiati e oppressori dall'altro. Gli uni sono la mia Patria, gli altri i miei stranieri - Il mondo ingiusto l'hanno da raddrizzare i poveri e lo raddrizzeranno solo quando l'avranno giudicato e condannato com mente aperta e sveglia come la può avere solo un povero che è stato a scuola - Non posso dire ai miei ragazzi che l'unico modo d'amare la legge è l'obbedienza.Posso solo dir loro che essi dovranno tenere in tale onore le leggi degli uomini da osservare quando sono giuste... - La coerenza è un altissimo privilegio dell'uomo, ma a patto che l'uomo abbia quel minimo di cultura senza del quale Uomo non è -