#197 - 8 luglio 2017
LA STRISCIA KOMIKA - Attenzione, per arrabbiarsi si mettono in moto 65 muscoli! per sorridere solo 16! Fai economia, sorridi!!! - E' chiaro che i tizi che stanno seduti al bar alle 11 del mattino sanno qualcosa su come ci si guadagna da vivere che noi non sappiamo - Ho bisogno di emozioni forti...vado a leggere il mio estratto conto - Beati i vegetariani... che non possono mangiarsi il fegato - L'unico uomo capace di tenere sveglia una donna tutta la notte, porta il pannolino - Come si chiama...quando tutto va bene? Alcool, si chiama alcool! - Oggi la mia vicina ha urlato così forte a suo figlio che dalla paura mi sono messo a sistemare la camera pure io - L'unica che ti aiuta veramente nel momento del bisogno è la carta igienica -
Racconto

La Fuga

Short story

di Ruggero Scarponi

Fred si destò di soprassalto. La sveglia segnava le tre e un quarto. Bene, pensò, ho ancora due ore.
Tentò inutilmente di riprendere sonno. Sua moglie si girò su un fianco. Nel movimento restò mezzo scoperta. Fred istintivamente la ricoprì.
Poi si mise supino a pensare a Karen. Il tempo scorreva rapido da quando l’aveva conosciuta.
Fred rivide gli anni trascorsi accanto a sua moglie. Non vi scorse altro che noia.
Strinse i pugni e contrasse le mascelle con rabbia. Fissò con uno sguardo duro il profilo di sua moglie sotto la coperta. La sveglia segnava le tre e ventidue.

Doveva solo pazientare un altro poco e finalmente la sua vita sarebbe cambiata, insieme alla piccola Karen.
Fred si risvegliò che era quasi mezzogiorno e subito si trovò davanti il viso sorridente di sua moglie che gli porgeva il vassoio della colazione. Che dormiglione! Gli aveva detto ridendo, mentre gli versava il caffè nella tazzina.
Era vero, pensò Fred, quello era sempre stato il suo punto debole. Al mattino gli piaceva dormire.
Stavolta neanche la deliziosa Karen era riuscita a tirarlo giù dal letto. Fred sorbì il caffè con gusto. Si passò la lingua sulle labbra due, tre volte, poi, riposta la tazzina sul vassoio, si stiracchiò ben bene e si mise a pensare.
Chissà, pensò, se anche Karen è rimasta a dormire stamattina?

Una pietra può tornire una pietra se la muove la mano dell'amore (H. von Hofmaansthal) - L'amore è la più saggia delle follie (W: Shakespeare) - Colui che è contento di se stesso, ama l'umanità (L: Pirandello) - Non si è perduto niente se ci resta l'amore (Parafrasando F: Voltaire) - Non c'è amore sprecato (M: de Servantes) - Ama e fa ciò che vuoi (Sant'Agostino) - Si vive solo il tempo in cui si ama (C.A. Helvetius)