#109 - 27 ottobre 2014
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascer il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Editoria

No, non vendo libri:
li leggo soltanto

Francesco Pinto – Il lancio perfetto – Mondadori - 2014

di Giuseppe Sanchioni

Dopo il racconto della costruzione di un’altra grande opera italiana del dopoguerra, l’Autostrada del Sole (La strada dritta – Mondadori – 2011), Pinto ci regala un’altra storia dell’Italia migliore, praticamente contemporanea a questa.
Devo subito dire che per me questo libro, come il precedente che è stato comunque recentemente sceneggiato per la TV, andrebbe letto nelle scuole. Anche se sono convinto che non succederà mai, considerato che difficilmente si arriva a dopo la Seconda Guerra Mondiale, figuriamoci se si studia la storia contemporanea.

No, non vendo libri: 
li leggo soltanto

Eppure questo è il racconto, seppur romanzato come avverte già l’autore nei ringraziamenti, di un’altra vittoria italiana, di quegli italiani che si sono prefissati un obiettivo ed hanno avuto la tenacia di raggiungerlo nonostante tutto. Infatti, forse pochi lo ricordano, l’Italia è stata la terza nazione al mondo ad aver mandato in orbita, dopo URSS e USA, un satellite artificiale. Satellite artificiale costruito con pochi mezzi ed infinita pazienza da professori e studenti dell’Università di Roma “La Sapienza”. Per me, altro motivo di orgoglio, avendo studiato proprio in questa Università.

Certo erano gli anni sessanta del novecento, gli anni della speranza e della voglia di fare, diversamente da ora, ma sempre con le limitazioni finanziarie e la poca considerazione internazionale, come ora. Ma ci racconta anche come superare le difficoltà con la fantasia, chiedendo aiuto e riciclando materiale, come utilizzare una vecchia piattaforma petrolifera dismessa dall’ENI come isola artificiale per la base di lancio. Ci sono anche delle curiosità, come quando narra della nascita della colonia italiana di Malindi in Kenia proprio a seguito del progetto, oggi solo meta di turismo.

No, non vendo libri: 
li leggo soltanto

Nella parte finale l’autore si lamenta anche dell’abbandono cui sono condannati i laboratori. Sono d’accordo con lui quando vorrebbe che l’area e gli impianti sviluppati in quegli anni, adiacenti all’aeroporto dell’Urbe, fossero conservati ed aperti al pubblico come un museo della tecnologia e delle potenzialità italiane. Via Salaria 851: questo era ed è ancora l’indirizzo. Ci sono passato ed ho visto sia la sfera metallica della galleria del vento con sopra il logo del Progetto San Marc sia l’aria di abbandono. Insomma, un bel libro aldilà di ogni retorica, che trasmette un’inesauribile fiducia nel fare, che di questi tempi non è poco. Ora però restiamo in attesa di un libro che ci racconti come, in sole due generazioni di venditori di fumo, ci siamo ridotti così!

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.