#192 - 6 maggio 2017
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del 10 dicembre quando lascer il posto al n. 297. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo cos alto da giustificare metodi cos indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il pi piccolo degli animali una delle pi nobili virt che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuer a massacrare gli animali non conoscer ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo il pi crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
comunicazione

Giornalisti in prigione

Turchia, la più grande prigione al mondo per giornalisti

di certosino

La Turchia del superpresidente Erdogan e il ricordo della libertà di stampa.
Ankara precipita al 155° posto (su 180) nella classifica “World Press Freedom”: «Il tentato golpe di luglio è stato usato come pretesto per una purga senza precedenti».
L’Italia, nella classifica mondiale risale da fondo classifica da paura dove era precipitata ed un 52° posto che fa solo un po’ vergogna.

Giornalisti in prigioneGiornalisti in prigione

156 giornalisti in carcere, e non avevano fatto la cresta sulle trasferte come il nostro ex senatore Augusto Minzolini.
Gente perbene, insomma, colpevole di non amare abbastanza il super presidente Erdogan, una parte di aver simpatizzato alla congiura delle forze armate e di una parte di Turchia laica che nel luglio scorso voleva liberare il Paese dal despota, una parte per esservisi opposta politicamente scrivendogli contro, e una ventina di loro, accusati di «insulti al presidente», che è bestemmia!
Già per queste poche righe sopra, se fossimo in Turchia, sarebbe galera anche per Remocontro.
Perché in Turchia la libertà di stampa è di fatto revocata, in galera anche lei, e la magistratura indipendente ci ha preceduti nelle stesse prigioni.

Giornalisti in prigioneGiornalisti in prigione

E se non è galera, è paura della galera. «Censura e autocensura sono imperanti nel mondo dei media turchi», confessa Can Dündar, ex direttore del quotidiano turco, dal suo esilio tedesco.
Can Dündar, aveva almeno documentato l’esistenza di un convoglio dei servizi segreti turchi che tentava di trasportare armi in Siria ed è riuscito a procurare qualche vero fastidio al despota.
L’episodio aveva chiarito al mondo il doppiogiochismo dell’islamista Erdogan con lo Stato Islamico in funzione anti-Assad nelle prime fasi della guerra siriana. Pensate che questi fatti, citati nella scheda di Wikipedia sulla Turchia, ha motivato la censura all’enciclopedia online cancellata dalla possibile lettura la scorsa settimana.

Giornalisti in prigioneGiornalisti in prigione

L’atmosfera di tensione che circonda le realtà giornalistiche turche si riflette nelle classifiche sulla libertà di stampa che fanno da sfondo a questo “World Press Freedom Da”. Se già l’anno scorso Ankara veniva classificata come «non libera» dal rapporto di Freedom House e collocata al 150° posto su 180 Paesi nell’indice “World Press Freedom” di Reporters Without Borders, quest’anno la sua posizione è precipitata ulteriormente fino al 155° posto.
Nella breve nota esplicativa la Turchia, definita «la più grande prigione al mondo per chi lavora nel settore dei media», e viene detto che il governo ha utilizzato, a partire dal fallito golpe della scorsa estate, «la lotta al terrorismo come pretesto per una purga senza precedenti».
Purga che ha colpito con particolare durezza le testate legate al movimento culturale di Fethullah Gulen, il predicatore turco accusato di aver ispirato il fallito golpe di luglio dalla sua residenza negli Stati Uniti, dove vive da fine anni Novanta.

Giornalisti in prigioneGiornalisti in prigione

Chi minimizza l’emorragia di stampa libera nel Paese evidenzia come esistano ancora, malgrado le forti pressioni, testate di opposizione che criticano il governo e attaccano il presidente Erdogan. Ma ne sono state chiuse quasi duecento nell’ultimo anno, oltre alla revoca di quasi mille tessere stampa, agli arresti e alle espulsioni di giornalisti stranieri come Gabriele Del Grande, tutto motivato dalle molteplici minacce terroristiche, dallo Stato Islamico a Gulen, ai curdi del Pkk.
Del resto il rapporto 2017 sulla libertà di stampa di Reporters sans Frontieres ci dice di “un mondo in cui gli attacchi contro i media sono diventati ordinari e gli uomini forti sono in ascesa. L’età della post-verità, della propaganda e della soppressione delle libertà, soprattutto nelle democrazie”. Vista la giornata celebrativa, che in questo campionato di democrazia non solo comunicativa, senza sperare di insidiare il medagliere di Norvegia (prima), Svezia (seconda) e Finlandia (terza),

Giornalisti in prigioneGiornalisti in prigione

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.