#191 - 29 aprile 2017
LA STRISCIA KOMIKA - Attenzione, per arrabbiarsi si mettono in moto 65 muscoli! per sorridere solo 16! Fai economia, sorridi!!! - E' chiaro che i tizi che stanno seduti al bar alle 11 del mattino sanno qualcosa su come ci si guadagna da vivere che noi non sappiamo - Ho bisogno di emozioni forti...vado a leggere il mio estratto conto - Beati i vegetariani... che non possono mangiarsi il fegato - L'unico uomo capace di tenere sveglia una donna tutta la notte, porta il pannolino - Come si chiama...quando tutto va bene? Alcool, si chiama alcool! - Oggi la mia vicina ha urlato così forte a suo figlio che dalla paura mi sono messo a sistemare la camera pure io - L'unica che ti aiuta veramente nel momento del bisogno è la carta igienica -
Humour

Tempi...moderni?

Ludopatie

di Giuseppe Sanchioni

Come noto si definisce ludopatia la dipendenza dal gioco d’azzardo senza controllo e senza freni.
Dipendenza che crea allarme sociale tanto da farla considerare una vera e propria malattia.
Specialmente quando ne sono affette alcune tipologie di persone, come avviene di recente.
Anzi si potrebbe definire una malattia professionale tipica di chi svolge certi mestieri.
E chi sarebbero i malati più gravi?
I padri di famiglia che giocano lo stipendio al videopoker o gli anziani che giocano la pensione al bingo?
Ma no, sono i rappresentanti delle classi dirigenti, i governanti, gli amministratori, i responsabili di grandi aziende.
Persone che si giocano il loro futuro, di cui ci interessa poco, ed il nostro, di cui ci interessa invece molto, su una semplice scommessa.
Risolvono tutto puntando sul Rouge o sul Noir, sul Pair o sull’Impair come alla roulette.

Ne sono esempi il referendum costituzionale italiano di dicembre scorso e quello inglese sulla Brexit che raddoppia la scommessa con le elezioni anticipate, passando per il referendum sull’Alitalia. E così via.
Gente che si gioca il proprio futuro mettendo però noi nella casella rossa o nera, pari o dispari e lasciando che il croupier ci sposti avanti e indietro col suo rastrello, magari chiedendoci pure la mancia.
Che poi, alla luce dei risultati, vale il vecchio adagio che vince sempre il banco, specialmente quando esce zero.
Anche perché alcuni di questi giocatori al massimo riescono a bluffare al videopoker.
Ma siccome io non sono malato di ludopatia e non prendo mai neanche un gratta-e-vinci, sono ormai stanco di fare la fiche che rotola avanti e indietro sul tappeto verde.
Quasi quasi punto tutto sulla loro scomparsa.

Una pietra può tornire una pietra se la muove la mano dell'amore (H. von Hofmaansthal) - L'amore è la più saggia delle follie (W: Shakespeare) - Colui che è contento di se stesso, ama l'umanità (L: Pirandello) - Non si è perduto niente se ci resta l'amore (Parafrasando F: Voltaire) - Non c'è amore sprecato (M: de Servantes) - Ama e fa ciò che vuoi (Sant'Agostino) - Si vive solo il tempo in cui si ama (C.A. Helvetius)