#188 - 25 marzo 2017
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero rester in rete fino a venerdi 3 giugno quando ceder il posto al n 274. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere uno che vi presta l'ombrello quando c' il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente che si pu fare l'imbecille, mentre il contrario del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Humour (non sempre) per riflettere

Tempi...Moderni?

Felicità

di Giuseppe Sanchioni

Lunedì 20 marzo è stata la giornata mondiale della felicità, inaugurata dall’ONU nel giugno del 2012 con un tempismo eccezionale: proprio nel pieno della crisi mondiale con tutte le economie che andavano a rotoli.
Quest’anno celebrata anche con un’emissione di francobolli con protagonisti i Puffi.

Nella propria Risoluzione istitutiva l’ONU parla della ricerca della felicità come di uno scopo fondamentale dell’umanità.
E qui nasce il problema: hanno relegato l’Italia al 48° posto! E francamente mi sarei aspettato un piazzamento migliore.
Anzi avrei voluto la sostituzione dei Puffi, che essendo finti farebbero pensare ad una felicità irraggiungibile, con un campionario di nostre facce vere.

Perché in questo paese essere felici è facile: basta appartenere ad una casta. E naturalmente ognuno ha la sua casta. Considerati nella propria casta di appartenenza, gli italiani sono l’espressione della felicità.
Infatti sono felici i tifosi della Juventus che, bene o male, vincono scudetti in serie. Ma anche i romanisti che avranno il loro stadio.
Sono felici i politici che cercano di perpetuare la specie senza correre eccessivi rischi, specialmente da anziani. Ma è felice anche chi li ha votati perché ha la certezza di qualche regalia in cambio.
Sono felici quelli che sono andati in pensione a quarant’anni. Ma sono felici pure quelli che cominciano a lavorare a quarant’anni.
Sono felici i tassisti, perché non ci sono all’orizzonte nuove licenze che facciano concorrenza. Ma sono felici anche gli altri automobilisti che parcheggiano dove vogliono, non rispettano nessuna segnaletica, vanno in giro con auto per le quali sarebbe necessaria più che la revisione l’esorcista.

E volete che non siano felici anche gli evasori? Per loro è un paradiso. Ma sono felici anche i clienti che risparmiano l’IVA.
Insomma questo è un popolo di gente felice che prega il morto per fregare il vivo.
Forse non ne sono pienamente consapevoli oppure preferiscono non darlo a vedere e questo un po’ li penalizza nella classificazione.
Ma niente paura. segue la giornata mondiale dell’acqua e lì, con tutte le inondazioni e gli straripamenti, puntiamo decisamente più in alto, direttamente al podio.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.