#183 - 11 febbraio 2017
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterà  in rete fino a venerdi 3 giugno quando cederà  il posto al n° 274. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Humour (non sempre) per riflettere

Multe

di Giuseppe Sanchioni

Sulla stampa quotidiana leggiamo che un imprenditore di Sulmona, stanco di vedere la statua di Publio Ovidio Nasone, poeta latino e certamente il più famoso figlio della città, sormontata da cumuli di neve ormai anneriti dal tempo perché mai rimossi, ha portato la propria pala meccanica in piazza XX settembre e ha ripulito la statua. Naturalmente a proprie spese.
Talmente a proprie spese che è stato pure multato perché mancante dei permessi necessari per utilizzare la pala meccanica in città: le regole sono regole. Multato naturalmente a lavoro finito.
Ovidio sarà sicuramente contento che un suo concittadino, magari memore delle sue elegie su cui avrà sputato sangue al Liceo, invece di maledirlo si sia preoccupato di pulire la propria statua.
E pure la città di Sulmona sarà contenta perché ha guadagnato una multa più una pulizia gratis.
Io invece sono preoccupato. Perché certe volte mi capita, ad esempio, di spingere dentro bene dei sacchetti dell’immondizia nel cassonetto nel tentativo di infilare anche il mio. E non vorrei essere multato per aver prodotto troppa mondezza o aver sbagliato il cassonetto perché non ho guardato cosa conteneva il sacchetto. Oppure per aver preteso di salire sulla porta giusta dell’autobus. Comportamenti fatti senza pensare, colposi come dicono quelli che hanno studiato.
Mi darebbe fastidio essere multato, diciamo così, per eccesso di zelo. Che avessero ragione i Beatles quando cantavano Let it be (lascia che sia)?

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.