#183 - 11 febbraio 2017
AAAAAttenzione - Care amiche e cari amici lettori, dopo alcune difficoltà tecniche e qualche scontro con l'influenza, eccoci di nuovo con il primo numero del 2018 del giornale. Dunque, innanzi tutto un BUON ANNO a tutti, che sia veicolo di felicità, serenità, salute. Invitiamo tutti a seguirci e da parte nostra cercheremo di essere puntuali nelle uscite e capaci di proporvi notizie di vostro gradimento. grazie.
Editoriale

Populismo

di Dante Fasciolo

Tra le parole in voga oggi la più gettonata è populismo
fatta propria dalla politica con demagogia
che brandisce la piazza e i sentimenti popolari
al fine di carpire facile consenso.
America e Inghilterra in prima fila,
ma ben più preoccupante è lo sguardo in Europa,
dove si affacciano scenari che evocano nefasti trascorsi,
e in Italia ove la fragile democrazia assicurata fin qui
da progressisti e conservatori, è presa a tenaglia
da due populismi che mischiano le appartenenze più variegate
e che nelle loro apparentemente diverse impostazioni
perseguono l’obiettivo di disarcionare l’organizzazione partitica
per imporne una basata sulla comunicazione
piuttosto che sul confronto, sull’emozione più che sul contenuto.

Il grido della piazza si fa dunque governo,
e lungi dall’elaborazione di un sistema valoriale,
soffocato da slogan tanto semplici quanto ingannevoli,
propone una ipotetica “terza via”…così a lungo vagheggiata
anche da forze che ne riconoscono ragionevolmente una visione.

Senza togliere al popolo l’illusione di contare,
e senza impedirgli di ridefinire il modello di società,
i due populismi italiani sembrano inclini
l’uno a ripercorrere vecchie strade consumate e inefficienti
con un capo del plotone indefinito,
l’altro l’adozione di scelte guidate da una classe dirigente
selezionata da metodi di cortile che evidenziano nei fatti
inconsistenze, incapacità, velleitarismi.

Entrambi i populismi nostrani inoltre forti della piazza
spingono all’isolazionismo rispetto all’Europa e così facendo
alimentano il rischio di compromettere i percorsi di riforma
portati avanti ad oggi dalle forze progressiste.
Ce da chiedersi infine, questo populismo
aiuta veramente il nostro popolo a crescere?

Dagli scritti di Don Lorenzo Milani Priore di Barbiana tratte dall'Agenda Conoscenda 2018 (Leggere anche Articolo "Una lettera da Barbiana" - Io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati da un lato, privilegiati e oppressori dall'altro. Gli uni sono la mia Patria, gli altri i miei stranieri - Il mondo ingiusto l'hanno da raddrizzare i poveri e lo raddrizzeranno solo quando l'avranno giudicato e condannato com mente aperta e sveglia come la può avere solo un povero che è stato a scuola - Non posso dire ai miei ragazzi che l'unico modo d'amare la legge è l'obbedienza.Posso solo dir loro che essi dovranno tenere in tale onore le leggi degli uomini da osservare quando sono giuste... - La coerenza è un altissimo privilegio dell'uomo, ma a patto che l'uomo abbia quel minimo di cultura senza del quale Uomo non è -