#171 - 29 ottobre 2016
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero resterŕ  in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascerŕ  il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, puň durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni piůą importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchč" (Mark Twain) "L'istruzione č l'arma piů potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non č un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchč i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltŕ  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensě nella capacitŕ  di assistere, accogliere, curare i piů deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltŕ  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo č un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminositŕ , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Editoriale

Goro e dintorni

di Dante Fasciolo

Con lena e determinazione
hanno innalzato sbarramenti,
ogni sorta di manufatti, spranghe, pietre e tronchi…
c’è un’invasione alle porte,
occorre difendersi dal pericoloso nemico…

e così, l’esercito degli invasori,
8 donne e 11 bambini stremati dalla stanchezza
sono stati vittoriosamente respinti…
non turberanno la serena pace delle case
e non inquineranno “un paese pulito”.

Il fatto esplode e si smorza sui giornali
nel giro di un solo giorno,
tanto basta ai demagoghi salvatori della patria per elogiare
i cittadini di Goro e dintorni, e tanto basta
per sussurrare appena vergogna all’ignavia.

Non sappiamo se la storia giudicherĂ 
eroi o vigliacchi quei cittadini,
e se in cuor loro brucerĂ  il fuoco
della vittoria o del rammarico,
resterĂ  emblematica comunque la loro cittĂ .

Una “città pulita” da preservare tale,
hanno gridato e riaffermato gli abitanti,
non vogliamo stranieri, e senza pietĂ 
hanno alzato il ponte levatoio, riscaldato le peci,
allagato il fossato della fortezza medioevale…

Poveri illusi, non cancellano con un no
i problemi del momento che tormentano la nostra vita
e l’intera vita di un pianeta che scoppia …
non prendere atto del momento
e non lavorare per gestirlo al meglio è politica suicida.

Un paese pulito, forse, nelle mura e nelle strade,
ma chi lo libererà nel tempo dalle macchie dell’egoismo?
Dai peccati dell’indifferenza?
E gli adulti, quale sguardo amoroso avranno per i loro figli
avendolo negato a bambini vittime inermi?

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit č realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessitŕ di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietŕ tra singoli e le comunitŕ, a tutte le attualitŕ... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicitŕ e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.