#164 - 29 agosto 2016
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascer il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Cultura e Società

Il primo festival in Europa dedicato alla creatività - tredicesima edizione
col patrocinio della Fondazione Carispezia e del Comune di Sarzana,
e con il contributo di Carispezia Crédit Agricole (per l’edizione bambini e ragazzi).

Sarzana (La Spezia)

Indagare e capire l'attualità

Intervista al Direttore Artistico Benedetta Marietti

di Elena Marchini

Festival della Mente 2016. Uno spazio per indagare e capire l’attualità.
Uno spazio che aiuti a far comprendere il presente, conoscere il passato e immaginare il futuro.
Per il direttore artistico, la giornalista Benedetta Marietti, è questo lo spirito del Festival della Mente. Relatori, filosofi, scrittori, giornalisti, architetti, artisti, attori e musicisti racconteranno le loro idee e le loro storie al pubblico, e offriranno così la loro interpretazione di “spazio”.
Con Benedetta Marietti abbiamo fatto un viaggio nello spazio del Festival e delle sue proposte.

Indagare e capire l'attualitàIndagare e capire l'attualità

  • Come sono stati scelti i relatori da proporre al pubblico del Festival della Mente edizione 2016?

"I relatori sono scelti per la qualità del loro pensiero e delle loro scoperte. Abbiamo cercato relatori che abbiano scoperto, inventato, costruito qualcosa di importante.
Molti sono relatori conosciuti ai più, ma la nostra sfida è stata quella di trovare e proporre psicologi, scienziati, filosofi, scrittori non conosciutissimi, cercare cioè delle eccellenze e portarle al grande pubblico.
Ovviamente i relatori del Festival della Mente non devono essere solamente delle eccellenze, ma devono essere capaci di comunicare quello che hanno scoperto, trovato, inventato, devono cioè saper parlare a un pubblico non specialistico, e avere una capacità divulgativa superiore alla norma".

  • Il Festival si svilupperà attraverso diverse macro aree che hanno come filo conduttore lo spazio; quali temi saranno approfonditi nello “Spazio dell’attualità”?

"Si può partire dalla lectio magistralis di Salvatore Veca che ci parlerà dello spazio pubblico, di come questo debba essere sempre più uno spazio sociale e non istituzionale, in cui emergano le potenzialità, i bisogni ma anche i conflitti delle comunità.
Altro tema che affronteremo sarà l’immigrazione che verrà approfondita dal professore di demografia Gianpiero Della Zuanna che ha studiato i numeri dei flussi migratori e ci parlerà di un fenomeno (dal punto di vista scientifico e statistico) che è visto con diffidenza, paura e con sospetto proprio per la mancanza di conoscenza sull’argomento.
Si discuterà di casa come identità con lo scrittore **Jonathan Safran Foer* e il giornalista del Corriere della Sera, Ranieri Polese.
Altro tema caldo che affronteremo sarà la famiglia, la sociologa
Chiara Saraceno** ci parlerà di famiglie mobili, mobili sia dal punto di vista geografico sia dal punto di vista relazionale. Due riflessioni importanti saranno fatte sulla scuola – come deve essere realmente la scuola per essere una buona scuola, un organismo vivo, un laboratorio di idee – , e sugli spazi virtuali e sugli algoritmi, di cui tutti ne parlano ma pochi hanno capito cosa sono e come funzionano".

  • Quali spazi saranno esplorati invece nell’arte e nei viaggi?

"Nell’arte ci sarà lo spazio architettonico, approfondito dall’architetto Cino Zucchi insieme ad Aldo Colonnetti.
Anna Ottani Cavina racconterà le origini del dipingere en plein air, e come gli artisti stranieri nel Settecento abbiano forgiato il nostro immaginario sul paesaggio italiano.
Ci sarà l’arte dei muri, e poi Silvio Soldini che presenterà in anteprima il suo docufilm in cui ha ritratto due editori artigiani; mentre Marco Belpoliti ci racconterà qual è la nostra idea di casa.
Per quanto riguarda il viaggio, uno dei più grandi esperti di narrazione sui viaggi, Antonio Brilli, ci parlerà della proiezione immaginativa del viaggio che si fa prima di partire; il fotografo Ramak Fazel, lo scrittore Giorgio Vasta e il giornalista Michele Lupi ci narreranno del loro viaggio reale attraverso i deserti americani; mentre Chiara Valerio e Paolo Bartocci spiegheranno come la matematica e le mappe possono raccontare il mondo".

Indagare e capire l'attualitàIndagare e capire l'attualità

  • Può dirci qualcosa sugli spettacoli proposti quest’anno?

"Avremo diverse anteprime. Nada e Fausto Mesolella presenteranno in anteprima al Festival della Mente il recital L’ultimo giorno d’estate, che sarà portato in tour nei teatri italiani questo inverno. Ci sarà l’anteprima italiana dello spettacolo del duo Igudesman & Joo; come sarà un’anteprima lo spettacolo di parole, musiche e immagini di Paolo Rumiz e Alessandro Scillitani".

  • Quali relatori crede potranno sorprendere il pubblico?

"Potrebbe essere una sorpresa Marco Martinelli, fondatore della compagnia il Teatro delle Albe, vincitore di più edizioni del premio Ubu, che ha inventato il metodo della non-scuola per insegnare la recitazione agli adolescenti, metodo che ha portato in tutta Italia. Martinelli racconterà l’esperienza della non-scuola fatta a Scampia e al contempo, coinvolgendo una trentina di studenti del territorio, farà una sorta di prima lezione sul metodo non-scuola.
Altra sorpresa del Festival, sarà Matteo Nucci, a cui abbiamo affidato una trilogia, in cui parlerà dello spazio della parola, dello spazio dell’assenza e dello spazio del sogno nei poemi omerici (proponendo coppie di personaggi come Elena e Odisseo, Patroclo e Andromaca, Penelope e Achille) accompagnato dalla bravissima attrice di teatro Valentina Carnelutti".

  • In conclusione, perché lo spazio?

"Lo spazio è una parola molto attuale che racchiude diversi significati, che simbolizza anche la multidisciplinarietà del Festival. Quello che vorrei è che il Festival della Mente fosse uno spazio per indagare, conoscere e capire la realtà di oggi e l’attualità".

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.