#157 - 9 maggio 2016
AAAAA ATTENZIONE - Amici lettori, questo numero rester in rete fino alla mezzanotte di venerdi1 luglio, quando lascer il posto al numero 310. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Humour (non sempre) per riflettere

Buste

di Giuseppe Sanchioni

Pomeriggio di un giorno qualunque in un bar qualunque con gente qualunque che parla di qualunque argomento.
Piero: “Ciao Mario, il solito caffè macchiato?”
Mario: “Ciao Piero, sì il solito. Ti annuncio che mi vedrai ancora a lungo.”
“Perché hai fatto una visita medica di sana e robusta costituzione?”
“Di più: ho ricevuto la busta arancione e ora so che andrò in pensione dopo il 2050!”
“Ah, auguri. Beato chi c’ha un occhio nel 2050. Pensavo mandassero le buste solo a quelli vicini alla pensione e non pure a quelli che ci manca una vita…anche se io non ho versamenti e morirò sul bancone.”
“A Piero, tu non c’hai versamenti perché non hai mai fatto ‘no scontrino!”
“A Mario, anch’io devo campare…e comunque spero che continuerai a prendere il caffè da me fino ad allora.” “Certo e sicuramente continuerò a prenderlo senza scontrino fino ad allora…”
Dal fondo del bar si udì la voce di Dario: “Ve lamentate sempre che volete annà in pensione ma ve danno poco. Che devo dì io che nun ce l’avrò mai la pensione che nun ho mai lavorato regolare? A Mario a te du’ sordi te li daranno magari fra trent’anni!”
Mario: “A Dario tu non hai mai lavorato regolare però prendi il bus e non lo paghi perché non fai il biglietto tanto nessuno controlla, c’hai casa e non la paghi perché l’hai occupata abusivamente e nessuno ti manda via…”
“Ma questi so’ ammortizzatori sociali pei poveracci come me!”
“Ci sarebbe da andare via da questo paese e lasciarvi tutti qui coi vostri ammortizzatori, ma sarebbe come ammettere che hanno vinto loro.”
“A Mario, ma loro chi? Se pe’ trovà lavoro pe’ te e tu’ moje hai preso tutte le tessere dell’arco parlamentare!”
Sul foglietto del calendario appeso sul bancone si poteva leggere la massima del giorno: chi è senza peccato scagli la prima pietra.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.