#154 - 11 aprile 2016
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 26 ottobre, quando lascerà il posto al numero 229. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di proverbi romaneschi: -Li mejo bocconi sò der coco - Fà del bene all'asini che ce ricevi i carci in panza - Ci va a dormi col culo che je rode, se sveja cor dito che je puzza - A l'omo de poco faje accenne er foco - Più la capoccia è vòta , più la lingua s'allunga - Acqua passatas non macina più - Daje eddaje pure li piccioni se fanno quaie - Li sordi so' come li dolori, chi cellà se li tiene - Fidate del ricco impoverito, non te fidà del povero arricchito ---
Humour

Trivelle

di Giuseppe Sanchioni

“’Sera Mario, oggi sei particolarmente in ritardo”, Piero apostrofò Mario arrivato quasi a ora di chiusura. “Eh, oggi ho combattuto contro la burocrazia… la solita bottiglia di latte, grazie” rispose Mario con un po’ di affanno.
“Appena in tempo, n’è rimasto poco. Ma chi ha vinto? Ti vedo stranito: vuoi una camomilla?” “No, non mi serve perché ho vinto io. Finalmente sono riuscito a rifare la tessera elettorale che era piena di bollini come quella del supermercato”
“E quando è piena che fai, vinci qualcosa?”
“Si, vinci una mezza giornata di tempo perso per averne un’altra…”
“Scusa ma che fretta c’era? Ancora non si sa neanche se si vota per il sindaco!”
“Ma quale sindaco, fra due domeniche c’è il referendum sulle trivelle! E io non voglio finire trivellato.”
“Non mi dire che vai anche a quello…”
“Ah, io vado sempre. Voglio sempre dire la mia”
“Mah, mi pare una cosa complicata. Sai che ti dico, io non vado tanto le trivelle stanno in Adriatico e io al massimo vado al mare a Fregene. Una volta pure al Circeo so’ stato…”
“Io andavo a Riccione ma con le trivelle non ci sono più andato. E quindi protesto!”
“Ma perché si vedevano le piattaforme?”
“Mah, per la verità nessuno ci faceva caso. Più che altro avevano aumentato i prezzi poi c’era l’autostrada, il pedaggio, il traffico, i parcheggi, la crisi...”
“Poi mi dovresti spiegare ‘na cosa. Ma se non gli rinnovano più le concessioni e il pozzo non è esaurito, quelli che scavano che fanno? Piantano baracca e burattini, se ne vanno e lasciano tutto lì come sta?”
“Bah, e chi lo sa? Io farei così ma sarebbe un bel guaio”
In quel mentre fece per uscire dal bar Dario, che passando davanti a loro sentenziò: “Ma magari le abbandonano ste piattaforme così io che nun so’ mai stato sull’Adriatico ce potrei andà cor pedalò e famme casa al mare! C’avrei puro il gas già attaccato. Farei er petroliere”

ANIMALIA - Se raccogliete un cane affamato e lo nutrite non vi morderà: Ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) - Chi ha creato i gatti si poteva permettere di sbagliare tutto il resto (M. Migliaccio) - I gatti sono tutti quanti liberi professionisti (Sy Fisher) - Quando un uomo uccide una tigre, lo chiamano sport, quando viene ucciso dalla tigre la chiama ferocia (G.B.Shaw) - Coloro che uccidono gli animali per mangiarne le carni saranno più inclini dei vegetariani a massacrare i propri simili (Pitagora) - Ciò che distingue il genere umano dal regno animale è che in quest'ultimo è sconosciuta la malvagità fine a se stessa (A. Morandotti) - Dobbiamo svuotare le gsbbkie, non renderle più grandi (T. Regan) - L'intelligenza è negata agli animali solo da coloro che ne possiedono assai poca (A. Shopenhauer) -----