#153 - 4 aprile 2016
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrÓá in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerÓá il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu˛ durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi¨ importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchŔ" (Mark Twain) "L'istruzione Ŕ l'arma pi¨ potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) źLa salute non Ŕ un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchŔ i servizi sanitari siano accessibili a tutti╗. Papa Francesco źIl grado di civiltÓá di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensý nella capacitÓá di assistere, accogliere, curare i pi¨ deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltÓá di una nazione e di un popolo╗. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo Ŕ un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminositÓá, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Poesia

Il mondo fa il suo giro

Sermone 1914

Trilussa

Ges├╣ bono, che sei nato
pe' l'amore e pe' la pace,
er momento, me dispiace,
├Ę pochissimo adattato;
nu' la senti la mitraja
su li campi de battaja?
Odio e sangue, ferro e foco:
c'├Ę la guerra! Nun c'├Ę Cristi!
Li discorsi pacifisti
de 'sti tempi vanno poco:
bada a te che quarche palla
nun te piombi su la stalla!
Tutto scoppia, tutto abbrucia,
├Ę un massacro generale!
Solo tu rimani uguale
e conservi la fiducia
ner programma umanitario
ch'hai scontato sur Carvario.
Ecco qua li pastorelli
che te dànno li regali,
ma sta' attent'a li pugnali
e sta' attent'a li cortelli:
nun ├Ę er caso de fidasse
der bon core de le masse.
E ti├Ę d'occhio pi├╣ che mai
a li doni che te fanno
li Re Maggi de quest'anno...
Li Sovrani, tu lo sai,
cianno sempre preparata
quarche brutta improvisata.
Nun farebbe gnente spece
se nell'oro e ne l'incenso
ce mettessero in compenso
tanto piommo e tanta pece,
pe' sfrutta la religgione
fra le palle der cannone.
Nun guardà se all'apparenza
ciai pi├╣ gente che te crede:
li strozzini de la fede
te richiameno d'urgenza
solamente quanno vonno
li vantaggi de 'sto monno.
Ciai l'appoggio de Maometto,
sei ben visto da Lutero,
puro er Libbero Pensiero
te comincia a fa' l'occhietto
e ritorni a fa' prodiggi
ne le chiese de Pariggi...
Ma sta' certo, Ges├╣ mio,
che co' 'st'anima de gente,
che s'inchina indegnamente
tanto ar Diavolo che a Dio,
a la fine c'├Ę paura
d'una bella fregatura!

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit Ŕ realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessitÓ di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietÓ tra singoli e le comunitÓ, a tutte le attualitÓ... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicitÓ e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertÓ di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.