#105 - 22 settembre 2014
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascer il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Editoriale

L’ultimo giapponese

di Dante Fasciolo

Se tutt’intorno ci fosse la pace, allora, il Presidente del Consiglio sarebbe uno sciocco ad imbracciare il fucile e sparare verso ogni dove.

Ma intorno la pace non c’è: diversi gruppi di persone, con addosso divise improbabili ed intercambiabili, si rendono protagonisti, ahime da molto tempo, di battaglie in nome del popolo sovrano e brandiscono poteri che nessuno più è disposto a riconoscergli.

La guerra è in ogni angolo, ogni nuova possibile e necessaria azione per recuperare il tanto tempo perduto mobilita gli interessi corporativi di quanti sentono minare le loro posizioni sociali, ancorchè stantie e anacronistiche, e trovano nelle formazioni politiche giustificazioni legate solo al consenso di parte.

Non c’è chi non veda che il cammino intrapreso è difficile e impegnativo per tutti, ma la logica della conservazione è frenare il nuovo, creare ostacoli anche pretestuosi, siano gli altri a pagare!…non io!

E questo sporco gioco di false idealità cerca di cacciare nella intricata foresta l’”ultimo giapponese” rimasto dell’esercito dei cittadini sfiniti e demotivati, tuttavia in attesa e pronti ad assecondare una possibile riscossa.

Se il dialogo e il buon senso non prevarranno, se la giustizia continuerà a calpestare i deboli, se l’economia resterà concentrata e prigioniera, se l’assurda guerra di posizione non cessa… all’ultimo giapponese non resterà altro che sparare tutte le polveri che ha in canna, aprendo scenari politici imprevedibili.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.