#150 - 7 marzo 2016
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 agosto, quando lascerà il posto al numero 224. BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, PER VOI AMANTI DEGLI ANIMALI : E' una gran vergogna spargere il sangue e divorare le belle membra di animai ai quali è stata tolta violentemente la vita (Empedocle) - La caccia, se non è per la sopravvivenza, è una forma di guerra (J. W. von Goethe) - L'uomo si differenzia dagli animali perchè è assassino ( E. Fromm) - Torturare un toro per il piacere, per divertimento, è molto più che torturare un animale, è torturare una coscienza ( V. Hugo) - Un gatto non dormirebbe mai sopra un livbro mediocre (H. Weiss) - Il cane è la virtù che, non pogtendo farsi uomo, s'è fatta bestia (V. Hugo) - Se raccoglierete un cane affamato e lo nutrirete non vi morderà, ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) -
Fumetto

Larry Yuma

di Giada Gentili

Ispirato alle fattezze di Clint Eastwood, Larry Yuma è il protagonista del fumetto creato da Claudio Nizzi (sceneggiatore) e da Carlo Boscarato ( disegnatore).
Anni '70...archeologia di altri tempi.

Larry YumaLarry Yuma

Dei personaggi interpretati da Eastwood, Larry Yuma riprende l'imperturbabilità e il sangue freddo oltre all'indiscutibile abilità con le pistole. L'ambientazione del fumetto è quella del western classico: praterie sconfinate, piccole cittadine fatte di casette in legno, saloon malfamati e banditi pronti ad assaltare in ogni momento diligenze e banche. Il protagonista è il prototipo del pistolero solitario: cappello calcato in testa, immancabile sigaro pendente dalle labbra e pistole a portata di mano nelle fondine.

Larry YumaLarry Yuma

Eroe senza macchia e senza paura, Larry Yuma arriva da lontano per riparare torti e ingiustizie e, una volta esaurito il proprio compito, sparisce senza quasi lasciare il tempo per i ringraziamenti. L'ultima vignetta di ogni storia vede immancabilmente Larry Yuma allontanarsi al galoppo verso nuove avventure. Freddo e impassibile, di poche parole e di metodi spicci, Larry Yuma è abilissimo con le pistole (che utilizza solitamente per disarmare gli avversari, quasi mai per uccidere) e, se si presenta l'occasione, anche con i pugni.

Larry YumaLarry Yuma

Il cappello, che non toglie praticamente mai, impedisce di vederne gli occhi, cosa che rende impossibile osservarne lo sguardo, sicuramente impassibile e glaciale; altro elemento fondamentale del suo abbigliamento è una mantellina rossa che gli copre le spalle e che usa per coprirsi quando dorme all'aperto, cosa che accade assai di frequente. Suo compagno d'avventure è l'inseparabile cavallo Mustang mentre non ci sono altri personaggi che si legano al protagonista (nonostante spesso Larry Yuma incroci conoscenti ed amici sulla sua strada). Il fumetto nasce nel lontano 1970, le sue avventure vengono portate avanti fino al 1992.

Larry YumaLarry Yuma

Clint, Sergio Leone, Trinità, Gringo, Giuliano Gemma...per arrivare a Tarantino. Quanta strada ha fatto il famigerato e bistrattato westernaccio italiano, tanto deprecato da diventare oggi un cult. Ho rivisto il Django originale l'ho confrontato con quello di Tarantino. Mi sono scorpacciata con i "Trinità" di Terence Hill e Bud Spencer e poi tutta una serie di titoli di Sergio Corbucci e altri registi. Ho letto i fumetti di Larry. Confesso: mi sembrano figli di quel tempo (senza nulla togliere). Che vuol dire? Erano gli anni settanta, erano gli anni d'inizio terrorismo, la crisi petrolifera, l'austerity...ho letto che De Sica prendeva l'autobus. Solo pochi decenni fa. Pare archeologia di un'altra era.

PROVERBI ROMANESCHI - Rigalà èmmorto, Donato sta ppe' morì, Tranquillo se lo so n'groppato e Pazienza sta ar gabbio - La farfalla tanto gira al lume finchè s'abbrucia l'ale - Er gobbo vede la gobba dell'antri gobbi ma nun riesce a trovasse la sua - Oro e argento in core, mànneno a spasso fede, speranza e amore - Cent'anni de pianti nun pagheno un sordo de debiti - Qanno te sveji cò quattro palle, er nemico è alle spalle - Non sputà in cèlo che te ricasca 'n bocca! - Mejo puzzà de vino che d'acqua santa -