#137 - 12 ottobre 2015
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterà  in rete fino a venerdi 3 giugno quando cederà  il posto al n° 274. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere è uno che vi presta l'ombrello quando c'è il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente è che si può fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Arte

Una iniziativa del Comune di Cherasco, Provincia di Cuneo e Regione Piemonte

African Style

Dall'arte africana tradizionale all'arte contemporanea

African StyleAfrican Style

Segnalata dalla rivista Africa, è visitabile a Cherasco (Cuneo), presso il palazzo Salmatoris dal 17 Ottobre 2015 al 17 Gennaio 2016, la mostra African Style. Dall’arte africana tradizionale all’arte contemporanea con opere d'arte che ripercorreonoe tappe delle varie espressioni tradizionali che più hanno caratterizzato i popoli africani, per giungere a rappresentare un' arte di indole contemporanea. Curatori della mostra, Bruno Albertino ed Anna Alberghina medici torinesi, grandi viaggiatori e studiosi di arte africana.

La mostra African Style. Dall’arte africana tradizionale all’arte contemporanea vuole offrire - attraverso la fusione di quattro nuclei artistici differenti ma complementari - un ponte immaginario tra la grande scultura dell'Africa nera carica di forza, che ci riporta alle origini, e l'arte contemporanea africana ed occidentale.

African StyleAfrican StyleAfrican Style

"Maschere, statue, feticci, oggetti d’uso tradizionali, - scrive Bruno Albertino - tutti accomunati da grande eleganza espressiva e rigore formale, dialogano, seguendo il ritmo di cadenze emozionali, con le opere pittoriche, scultoree e fotografiche di Artisti contemporanei.
L’African Style è il complesso delle manifestazioni materiali ed immateriali che definiscono l’estetica africana, un modo di essere e vivere che si esprime principalmente nella scultura sacra e profana, negli ornamenti e nelle decorazioni corporee.
L’African Style è un sistema dinamico di valori sociali, estetici, funzionali e rituali, che ha profondamente influenzato l’arte ed il modo di vivere del mondo occidentale.
Le avanguardie artistiche dei primi del ‘900 con Matisse, Picasso, Braque, Derain, Modigliani, Brancusi, Giacometti trassero insostituibile ispirazione dalla straordinaria purezza della forma e sintesi plastica dell’arte africana.

African StyleAfrican Style

L’Arte africana tradizionale con la sua concezione geometrica degli spazi e la sua espressività porta ad una sublimazione dei contenuti artistici, pur partendo da valori magico-religiosi. L’Arte africana è vita, manifestazione del sacro, creatività, sovvertimento e rappresentazione simbolica e ieratica della realtà.
Nella mostra sono rappresentati i grandi temi dell’Arte africana tradizionale, letti mantenendo un sottile equilibrio tra l’aspetto etnografico e quello estetico-formale.
In un caleidoscopio fantastico, sospeso tra passato e futuro, levitano le opere, ispirate all’Arte africana, di Ugo Nespolo, Plinio Martelli, Titti Garelli, Renza Sciutto, Marian Heyerdahl, le fotografie di Anna Alberghina, Tomas D.W. Friedmann, Phil Borges ed i lavori di importanti artisti contemporanei africani, in una sezione curata da Cesare Pippi. Contributo storico di Paolo Novaresio e contributo critico di Armando Audoli. African Style è una mostra d’arte. African Style” vuole essere arte e vita, arte e sogno, arte ed emozione."

La Mostra è corredata da audiovisivi dedicati e catalogo.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.