#133 - 14 settembre 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 3 agosto, quando lascerà il posto al numero 224. BUONA LETTURA A TUTTI - ORA, PER VOI AMANTI DEGLI ANIMALI : E' una gran vergogna spargere il sangue e divorare le belle membra di animai ai quali è stata tolta violentemente la vita (Empedocle) - La caccia, se non è per la sopravvivenza, è una forma di guerra (J. W. von Goethe) - L'uomo si differenzia dagli animali perchè è assassino ( E. Fromm) - Torturare un toro per il piacere, per divertimento, è molto più che torturare un animale, è torturare una coscienza ( V. Hugo) - Un gatto non dormirebbe mai sopra un livbro mediocre (H. Weiss) - Il cane è la virtù che, non pogtendo farsi uomo, s'è fatta bestia (V. Hugo) - Se raccoglierete un cane affamato e lo nutrirete non vi morderà, ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) -
Musica

La narrazione di 100 canzoni internazionali e italiane + una

una pubblicazione delle Edizioni Conoscenza - Roma

Cartoline rock

Guida imperfetta all'ascolto
di centouno canzoni definitive della storia del rock

Per conoscere e sapere

Dei nostri cantanti preferiti e delle loro canzoni sappiamo poco: qualche notizia raccolta qua e la, qualche improbabile gossip, qualche interessata testimonianza...ora , a colmare il vuoto, ci viene incontro un'interessante pubblicazione di Francesco Villari: Cartoline rock, introdotto da una nota di Vittorio Nocenzi con un titolo eloquente: Ascoltare la musica fuori dalla banalità dei luoghi comuni, per sottolineare la grande passione dell'autore per la musica.

"Ho scritto questa “guida” per una serie di motivi - a parlare è Francesco Villari - il più importante dei quali è che volevo semplicemente condividere delle emozioni. Poi mi sono ricordato che le emozioni sono troppo personali e legate a una quantità di aspetti impossibili da oggettivare. E allora, seppure a malincuore, mi sono messo in cattedra e ho fatto il dogmatico. Perché in fondo l’obiettivo è rimasto il medesimo: altri devono sapere e purtroppo, oggi, informarsi è facilissimo, sapere no. "

Cartoline rockCartoline rock

Seguendo i racconti - delle 50 canzoni internazionali e 50 italiane e le note realative agli autori-interpreti - si può ben dire di essere entrati nel cerchio della conoscenza...ben oltre quello dell'informazione.

Ci sono di conforto le parole di Nocenzi quando afferma: "...Cartoline rock, pieno dell’amore e dell’attenzione che l’autore ha per la musica tutta, racconta proprio questo: l’insindacabilità del gusto personale (che resta comunque off limits, zona sacra); il rifiuto di verità rivelate unilateralmente quando si parla di arte; l’utilità di ricordare a nuove generazioni che la qualità è spesso inversamente proporzionale alla quantità, e che una “piccola” canzone può raccontare una “grande” poesia. Le canzoni, quelle belle, sono scorciatoie per le nuvole. Tutta la musica è un’offerta, un gesto di offerta rivolto a qualcuno cui si porge la possibilità di fare propria la percezione intima di un altro essere umano. E se questa alchimia riesce, allora quella musica appartiene anche all’altro, come se l’avesse scritta in prima persona. In quel momento è sua e la reinterpreta dentro di sé in modo unico e irripetibile. Così la mu- sica nata nel privato e resa pubblica, torna dolcemente privata. Così il piccolo miracolo fatto da uno diventa la magia di tutti.
Scrive Pier Paolo Pasolini: La musica squarcia il velo della realtà per portare la persona nell’oltre".

Cartoline rock

Cartoline rock - 100 interpreti + 50 canzoni internazionali + 50 italiane...

Ne manca una, no?
si. Questa è la canzone più bella di tutte. La tua.
Perché io lo so che tu ne avresti inserite altre, lo so che su alcune scelte non sei affatto d’accordo.
Allora ti sfido. Ti lascio una pagina vuota.
Prendi la tua canzone e descrivila come vuoi. Non importa se è famosa o semisconosciuta, l’unico vincolo è che si possa in qualche modo ascoltarla. Insomma, il demo dei tuoi amici non va bene, è necessario che sia edita. Scrivi come sai, scrivi quello che sai, parlami di lei, della tua canzone perfetta.
Ti giuro che se mi convinci finisci nel prossimo volume.
Buona fortuna, carbonaro.

                        (redazione@edizioniconoscenza.it)
PROVERBI ROMANESCHI - Rigalà èmmorto, Donato sta ppe' morì, Tranquillo se lo so n'groppato e Pazienza sta ar gabbio - La farfalla tanto gira al lume finchè s'abbrucia l'ale - Er gobbo vede la gobba dell'antri gobbi ma nun riesce a trovasse la sua - Oro e argento in core, mànneno a spasso fede, speranza e amore - Cent'anni de pianti nun pagheno un sordo de debiti - Qanno te sveji cò quattro palle, er nemico è alle spalle - Non sputà in cèlo che te ricasca 'n bocca! - Mejo puzzà de vino che d'acqua santa -