#129 - 18 maggio 2015
AAAA. ATTENZIONE - Cari Lettori, questo numero resterŕ  in rete fino a venerdi 3 giugno quando cederŕ  il posto al n° 274. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi ecco qualche massima: Meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio (O. Wilde) - Riesco a resistere a tutto tranne che alle tentazioni (O. Wilde) - Un banchiere č uno che vi presta l'ombrello quando c'č il sole e lo rivuole indietro appena comincia a piovere (M. Twain) - Il vantaggio di essere intelligente č che si puň fare l'imbecille, mentre il contrario č del tutto impossibile (W. Allen) - Sembra che io abbia una costituzione che non regge l'alcol e ancor meno l'idiozia e l'ignoranza (J.Kerouac) - Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (A. Block) -
Editoriale

Equilibrio

di Dante Fasciolo

Le persone che seguono il nostro settimanale
possono trovare nella rubrica che segnala
le “Giornate Internazionali”
quattro date di interesse fondamentale.

Due “Giornate” promulgate dall’Europa:
Il 20 maggio dedicata al mare,
il 24 dedicata ai parchi.
Poi l’Onu, che per i giorno 22 ricorda
l’impegno per la difesa della diversità biologica,
ed infine l’Unesco, che il 21 sollecita
la diversitĂ  culturale per il dialogo e lo sviluppo.

Nessuno può negare che i quattro argomenti
siano strettamente correlati fra loro,
e il giornale ne amplifica il concetto
con alcuni articoli paralleli.

L’occasione dunque si presenta benefica
non solo per una generica e formale adesione,
ma per radicare piĂą profondamente
un’idea di “Dialogo e di Sviluppo”
che a partire dalle diversitĂ  culturali
di cui i popoli del pianeta sono ricchi,
sappia intraprendere il cammino di un impegno consapevole
della necessaria salvaguardia dei beni
che la terra ci offre: il mare e gli alberi
sui quali si è fondata e si fonda l’esistenza terrena
di miliardi di uomini.

Certo l’armonia della natura è strapazzata ogni giorno:
ingordi e famelici interessi politici ed economici
depredano ampi pezzi del pianeta,
e mortificano quanti, impotenti, si oppongono agli scempi.
L’inquinamento dei mari non ha soste,
avvelena cibo e sottrae salute;
interi boschi cadono sotto l’ascia del profitto,
muta il clima e si riduce ossigeno per la vita.

Questa settimana ci richiama alla realtĂ ,
ci invita al dovere, ci sprona a combattere,
ci accompagna a meglio interpretare il senso del creato,
il senso equilibrato dell’esistenza,
il senso autentico della giustizia e della pace.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit č realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessitŕ di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietŕ tra singoli e le comunitŕ, a tutte le attualitŕ... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicitŕ e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Alcune fotografie e immagini presenti sono tratte da Internet e Face Book , e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla loro pubblicazione, possono segnalarlo a dantefasciolo@gmail.com in modo da ottenerne l'immediata rimozione. Buona Lettura a tutti. grazie.