#126 - 13 aprile 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 15 febbraio, quando lascerà il posto al numero 236. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora per voi : AMICI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà a massacrare gli animali non conoscerà ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Aspettando Expo 2015

Le piante che nutrono i popoli della Terra

il mais

Dal Centramerica, in ogni dove
Una storia lunga 9000 anni

il maisil mais

L’etimologia della parola “mais” non è chiara.
Una delle ipotesi è che derivi da “mahiz”, nome col quale gli indigeni Arahuaco che Cristoforo Colombo incontrò sull'isola che battezzò Hispaniola indicavano l'elemento dal quale traevano tanta parte della loro alimentazione. Quelle popolazioni, infatti, sfruttavano il mais in maniera razionale, totale, non ne buttavano via una sola parte: con spighe, foglie e gambi facevano bevande alcoliche, preparavano zucchero, nutrivano il bestiame e ricoprivano i tetti delle capanne; le pannocchie, se mature al punto giusto, venivano abbrustolite sul fuoco o macinate fino ad ottenere una poltiglia gialla, grossolana antenata dell’attuale farina da polenta.

il maisil mais

Le pannocchie di mais ancora verdi, invece, venivano bollite o cotte sotto la cenere. L'archeologo statunitense MacNeish tra gli anni Sessanta e gli anni Settanta del Novecento individuò la culla della coltura nella grande valle messicana di Tehuacàn, nella regione di Oaxaca, dove vennero trovati i più antichi reperti archeologici del mais: piccolissime spighe con più di 5000 anni di età. Le infiorescenze femminili di tali reperti avevano raggiunto un grado di specializzazione che precludeva la possibilità di una naturale disseminazione. Quindi il mais ritrovato in Messico aveva già bisogno dell’uomo per la sua diffusione.

il maisil mais

In generale si stima che il processo di domesticazione del mais sia iniziato tra 7500 e 12000 anni fa e un recente studio di genetica lo colloca più precisamente intorno a 9000 anni fa. Dal Messico il mais inizio rapidamente a diffondersi verso in tutto il centro e sud America, e la sua coltivazione ebbe un impatto fortissimo sull’alimentazione e sulla cultura delle popolazioni indigene precolombiane. Durante il primo millennio d.c. la coltura si diffuse verso nord fino al Canada e verso sud fino in Argentina.
Grazie alla pressione umana, il mais si diffuse in epoca precolombiana nelle condizioni più varie.

il maisil mais

Dopo la scoperta delle Americhe, il mais velocemente raggiunse l’Europa, l’Africa e l’Asia. Appena arrivato in Europa, il mais era coltivato solo nei giardini dell'Andalusia, di Francia e Italia.
In Italia la coltura è già fiorente a metà del Cinquecento, dove soppianta rapidamente miglio e panico divenendo la base dell'alimentazione dei contadini padani.
In Africa, la maggior parte del mais deriva da successive introduzioni effettuate a partire dagli Stati Uniti, dal Messico e dalla costa orientale del Sud America. La vera e propria diffusione del mais, comunque, si ebbe in Europa attorno al XVII secolo tra la Spagna, Francia, Italia, Penisola Balcanica, Ucraina, Caucaso, grazie al clima particolarmente favorevole presente in queste regioni. Sebbene molte delle odierne razze di mais derivino da tipi sviluppati dai primi nativi agricoltori del Messico e del Centro e Sud America, un’eccezione unica è rappresentata dal mais giallo “dent corn”, sviluppato nel Nord-America post coloniale, e che domina nelle coltivazioni degli Stati Uniti, Canada ed Europa ancora oggi. Nei primi anni del 1800, dall’ibridazione di due distinte razze di mais, la Northeastern Flints e la Virginia Gourdseed, e dai ripetuti incroci successivi, emerse la razza “Corn Belt dents”, la più produttiva del mondo. Le coltivazioni altamente selezionate tramite selezione massale di Corn Belt dents costituirono la base per i mais di alta produttività oggi diffusi in tutti i climi temperati e per la selezione per linea pura degli ibridi di mais.

il maisil mais

AFORISMI - Vivi come puoi, da momento che non puoi vivere come vorresti (Cecilio Stazio) - Perdiamo i tre quarti di noi stessi per essere come le altre persone (A. Schopenhauer) - La cultura è l'unico bene dell'umanità che, diviso tra tutti, anzichè diminuire diventa più grande (H.G. Gadamer) - La gentilezza è il linguafggio che il sordo può sentire e il cieco può vedere (M. Twain) - L'immaginazione è la prima fonte della felicità umana (G. Leopardi) - L'ignoranza è un vizio (Talete) - Se la pensi come la maggioranza il tuo pensiero diventa superfluo (P. Valéry)