#3456 - 3 febbraio 2024
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Arte

Arte e poesia in felice connubio

Nastasio - Merini

di Amanzio Possenti

Sempre alla ricerca dei valori del vero e del bello e con lo spirito e la sensibilità legati a Cristo - spesso presente nelle sue opere di pittura e scultura - Alessandro Nastasio, artista milanese, già docente a Brera, autore di dipinti facenti parte di collezioni importanti in Italia e nel mondo, personaggio di un’Arte intensamente raffinata e autonoma nel linguaggio e nella qualità dello stile, ha realizzato una splendida cartella di litografie originali acquerellate ed ispirate da poesie inedite di Alda Merini.

Per l’esattezza quattro poesie che ‘raccontano’ sofferenze, partecipazioni, tensioni e umori, delicatezze, gusti e tanta fede, dedicate a Vittorio Bergnàch, uomo di Fede e di Chiesa, all’interno di un singolare’ carteggio’: in realtà è uno scambio telefonico tra due interlocutori d’eccezione, la poetessa e il Maestro, telefono che compare sulla copertina della cartella, nella interpretazione litografica di Nastasio.

La preziosa cartella con i testi inediti della Merini è un grande canto alla speranza, alla luce, ai valori, alla moralità insita nella poesia meriniana, un caloroso abbraccio alle meraviglie del credere e del sentire.
Le quattro liriche sono intitolate: una a Bergnàch, due a Vittorio e la quarta Insieme siamo stati in una vecchia Babele. Ad ognuna delle espressioni poetiche Nastasio risponde con la evidenza felice dell’immagine traslata, nella quale la sintonìa con valori poetici risalta e si fa garbata visione inventiva, tra fantasia e realtà.
La cartella, fondata sul binomio poesia meriniana-luce dei colori, realizza con Nastasio un impatto gioioso alla vita e alla grande e luminosa Speranza in Cristo.

Alda Merini

A Bergnàch

Nastasio - Merini

Amico
il gelo spesso sovrasta la fede
è come una debole pianta
di cui nessuno parla.
Ma io so che tu
non sei portatore d'inganni
o di inutili fole di ogni giorno.
So che raccogli mestamente i cocci, delle anime distrutte
e che forse non sai ricominciare.
Così è per me che ogni mattina
trovo il vento della distruzione
e tento di salvare il grande albero della poesia.

A Vittorio

Se qualcuno ti avesse ascoltato
mentre toccavi il niente
di tutti i giorni e speravi
che ne uscissero pagine scritte
e avrebbe capito che il pensiero
è meglio della scrittura
e basta pensare a un fiore
perché ci cada davanti.
Tu non seppellirai mai un fiore
e non lo dimenticherai per terra
solo ringrazierai Dio che lo raccolga; e lo mette in cuore.
Buon San Valentino!

Nastasio - Merini

A Vittorio

Un anno che è passato
per te pieno di fiori
che non hai odorato.
Siamo tutti così
siamo in un giardino fiorito di grandi parole
e vediamo solo le ortiche.
Ma questa giovinezza che ti prende alle spalle
e che tu chiami vecchiaia è un altro firmamento
che poi si svelerà.

Nastasio - Merini

Insieme siamo stati in una vecchia Babele

Insieme siamo stati in una yecchia Babele
e abbiamo parlato due linguaggi diversi
ma ci siamo sempre capiti
perché l’amore della semplicità
è un dono inenarrabile
e chi non vede nella sua semplicità
il granello di sabbia che può
diventare granito
non capisce niente della vita.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.