#344 - 20 gennaio 2024
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Scuola - Educazione

Alla base della vita comunitaria

Educazione come valore

Tutto passa, ogni gesto e pensiero, attraverso l’educazione, o dovrebbe passare.
In un mondo agitato e frastornato, dove i Valori sono pressocchè dimenticati o sottovalutati, si scopre sempre più la necessità della educazione personale e comunitaria, la via che può aiutare al freno degli errori e degli orrori.

Educazione come valore

Educare il proprio spirito al bene, ovvero al rapporto buono con l’altro è ben più di un metodo, è un Valore che si applica laddove si creda nella volontà di crescere insieme nel bene, evitando apertamente ogni sorta di cattive intenzioni. E’ un’esperienza che nasce, si sviluppa, si consolida proprio se educata, ovvero valorizzata non accantonata.

Educazione come valore

Purtroppo la mancanza di educazione come fatto formativo genera non solo equivoci sulla collocazione interpersonale - ricordando che l’educazione prevede accettazione di un fatto o respingimento, nella libertà dunque - ma apre la porta a comportamenti censurabili, soprattutto perchè la non educazione porta con sé orgoglio, arroganza, visioni errate o fondate su presunti privilegi. Scelte sbagliate.
Rompendo gli equilibri della fraterna convivenza, quell’assenza si rivela negativa anche nei confronti della costruzione della pace, lo ricorda Francesco ai troppi immemori. Una ragione in più, questa della pace nei cuori e fra le nazioni, per imparare a dare forza e impegno al valore essenziale della educazione, quale fonte serena di Vita comunitaria. (Amanzio Possenti)

Educazione come valoreEducazione come valore

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.