#342 - 16 dicembre 2023
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Fotografia

Il frenetico uso del telefonino

Foto libere nei luoghi dell'arte e della cultura

Fotografare nei Musei

di Guido Alberto Rossi

Se in qualunque parte del mondo andate a visitare un museo, noterete, e certamente lo farete anche voi, che oggi tutti hanno il telefonino in mano e scattano tante foto come matti, dedicano magari due minuti per inquadrare e scattare la foto e solo dieci secondi per ammirare il quadro o l’oggetto (a occhio nudo) che ritraggono.

Fotografare nei Musei

Se poi il fotografo/a è asiatico i tempi si dimezzano, specialmente quelli della visione e del godimento dell’opera dal vivo.
È imbarazzante, ma così va il mondo e forse poi quando tornano a casa guarderanno le foto e non sapranno neanche dove le hanno scattate, se non hanno inserito il geo localizzatore.

Fotografare nei Musei

I musei, qualunque essi siano, dal Louvre al museo del tappo di Capravilla devono essere meta obbligatoria per il viaggiatore curioso, per non parlare del fotografo professionista di viaggi che è obbligato a visitarli e fotografarli tutti (di solito lo si fa nei giorni di pioggia) in modo da “coprire” anche la cultura e poi generalmente in tutti i musei ci scappa sempre anche qualche buona foto di “gente” locale e no, ma che alla fine serve per arricchire il reportage.

Fotografare nei Musei

Fino a qualche anno fa c’erano diversi problemi a fotografare le sale dei musei; il primo era che in molti musei era vietato fotografare (in Italia era in quasi tutti) e quindi il professionista doveva chiedere i permessi, mentre il turista veniva subito sgridato dai guardia sale se solo cercava di alzare la macchina fotografica, sempre che non fosse obbligatorio lasciarla negli appositi armadietti dell’ingresso.

Fotografare nei Musei

Superata la burocrazia, con le macchine analogiche, c’era poi il problema dell’illuminazione, spesso luce mista e ingarbugliata tra faretti al tungsteno, luce calda mischiata ad altre fonti luminose, con ancora altre gradazioni kelvin, che messe tutte insieme, ti facevano diventare pazzo, se riuscivi a compensare l’ambiente il quadro veniva rosa o viceversa. In ultimo c’era, e c’è, il problema dei diritti da pagare per l’utilizzo commerciale.

Fotografare nei Musei

Oggi non so bene la ragione, ma quasi più nessun museo fa problemi con i permessi (salvo se devi fare cose molto particolare, come staccare i quadri dal muro).
Nella stragrande maggioranza dei casi si accontentano di farti compilare un modulo e i turisti, anche quelli carichi di macchine fotografiche, sono liberi di girare e scattare, sempre e comunque senza flash. Mentre il popolo dei telefonini si accalca e a volte si spintona davanti al pezzo forte.

Fotografare nei Musei

Ovviamente tutto questo crea problemi d’altro tipo, come l’affollamento intorno ad opere famose, anche perché nessuno molla la postazione conquistata fino che non ha scattato e poi controllato il risultato, magari riscattato e ricontrollato, impiegando spesso un tempo lungo come la fame.
Quello che sto notando è che moltissimi foto-telefonisti hanno pochissimo rispetto per il resto del mondo che li circonda attaccando a suon di click un quadro con la stessa grinta dei paparazzi che corrono dietro a George Clooney sul Lago di Como.

Fotografare nei Musei

La foto “museale” invece deve essere studiata e costruita con calma e zen, prima di muovere il dito sul pulsante di scatto è indispensabile comporre l’inquadratura partendo dalle cellule del cervello, mentre i soggetti che vi faranno parte sono già dei capolavori e quindi bisogna solo cercare di non sprecare la materia prima.
Ultimo utile consiglio, guardarsi bene intorno prima del clic, perché ultimamente c’è sempre qualche asiatico che ti passa davanti all’obiettivo. Intendiamoci, non ho niente contro gli asiatici è che sono tanti e scatenati.

Fotografare nei Musei

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.