#342 - 16 dicembre 2023
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Racconto

Shaliran

Il Piccolo fiore sorridente - 25

di Ruggero Scarponi

Dopo aver ricordato questa triste storia, Amin e i suoi si introdussero nelle Grotte Nascoste, il cui ingresso si trovava lì vicino, celato da rocce e cespugli. Subito furono avvolti dall’oscurità, mentre miriadi di pipistrelli disturbati dai nuovi venuti, abbandonavano i loro tetri rifugi. In breve, furono costretti a percorrere un faticoso cammino di fango, acqua e sassi. Con loro c’era anche Betelian che essendo molto piccola e minuta, nonostante l’età avanzata, si muoveva agilmente sul sentiero impervio, senza rallentare la marcia degli altri. Kalina e la bella Manshay procedevano affiancate, tenendosi per mano, e stando bene attente che, né l’una, né l’altra, rischiasse di cadere su qualche inciampo. Così anche facevano Nazhira e la giovane cortigiana, aiutandosi, premurose, nei punti più difficili. Mentre Quemosh, Bashir e lo stesso Amin si prodigavano nel suggerire i passaggi più agevoli e offrendosi di trasportare a braccia le donne nell’attraversare vene d’acqua e tratti scivolosi. Il buio era pressoché totale e le torce che avevano acceso offrivano scarsa luminosità, sì che spesso, erano costretti a saggiare più volte il terreno con i piedi, per evitare pericolose cadute.

Cominciarono quindi a salire per una ripida cengia rocciosa, resa assai insidiosa dall’acqua che scolava dalle pareti formando a terra un fango molto scivoloso. Su tutti e in particolare su Shaliran, vegliava la dea Belt, che con materna premura, senza manifestarsi, rendeva il cammino più sicuro. Più volte, però, per alleviare l’angoscia dell’arrampicata, la dea soffuse sulla sua prediletta il tenue sospiro profumato, sì che avvertisse la sua presenza e prendesse coraggio. Ora avvenne che al termine della cengia, fosse necessario affrontare la scalata di un alto gradone roccioso, dalla cui sommità era possibile dominare il corso del torrente, sul fondo della grotta, fino a scorgere in lontananza un vago bagliore di una possibile uscita all’aria aperta. Amin si incaricò di affrontare per primo la scalata, ma Quemosh che aveva intuito il rischio di quel passo di roccia, volle a tutti i costi farlo lui, essendo il maggiore tra i fratelli. Con agilità, dunque, cominciò ad arrampicarsi e poi una volta raggiunta la sommità si sporse in basso, allungando il braccio, per offrire un aiuto a Bashir, il secondo della cordata. Amin, intanto, era rimasto indietro ad aiutare le donne. Quando fu la volta di Kalina a dover affrontare la ripida roccia, la dea Belt la prese tra le sue braccia affinché non rischiasse di cadere. Poi, quando tutti furono saliti, cercarono un luogo sicuro dove riprendere fiato, prima di continuare il cammino. A quel punto la grotta fu scossa da un tremendo ruggito. Un enorme orso era uscito dalla sua tana e incombeva sulla piccola compagnia con occhi pieni di ferocia. Solo le torce accese avevano evitato che si avventasse sul gruppo per farne scempio. Gli uomini si interposero facendo scudo alle donne che spaventate si erano ritirate nel punto più estremo della roccia. L’orso soffiava e agitava minaccioso le zampe anteriori con le quali sembrava volesse ghermire gli uomini in posizione di difesa. Allora Amin che recava con sé una lunga lama affilata, si avanzò verso la belva, mentre i due fratelli cercavano di distrarla con le torce. L’orso emise un furioso ruggito e con una zampa colpì violentemente Bashir facendogli volare di mano la torcia.

Il giovane, scosso dal colpo, precipitò nel vuoto, dove solo grazie a uno spuntone roccioso, evitò di rovinare nel fondo della grotta. Nel frattempo, però, Amin approfittando del momento in cui l’orso aveva attaccato Bashir era riuscito a spingere lo spiedo tra le costole della fiera, fino al cuore. L’enorme bestione dopo aver emesso un soffio poderoso strabuzzò gli occhi e franò a terra, come una montagna. Dopo aver ucciso l’orso, Amin, Quemosh e le donne si precipitarono nel punto dove era volato Bashir e con grande sollievo si avvidero che era scivolato solo di qualche metro su delle rocce sporgenti riuscendo a limitare i danni della caduta. Dopo aver tratto in salvo il compagno, ripresero il cammino, tenendosi tutti legati con una lunga corda per essere sicuri che nessuno restasse indietro o si perdesse in quell’ambiente ostile. Finalmente dopo molte ore giunsero in prossimità di un’apertura che conduceva all’esterno. Si ritrovarono infatti al calar della sera nel buio di un locale di un antico edificio, all’interno dell’onorevole città di Shawrandall.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.