#122 - 9 marzo 2015
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1° lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Alberi

Comune di Zocca - Modena

Il castagno di Monteombraro

di Federica Fasciolo

In località Monteombraro, nel territorio del comune di Zocca in quel del modenese, c'è un castagneto secolare, con moltissimi castagni ultracentenari come si può vedere alla foto ove sono visibili in primo piano due splenditi esemplari.

Il castagno di Monteombraro

Ma l'albero di cui vi parlo è un'altro, quello denominato "IL castagno di Monteombraro" perchè unanimemente riconosciuto il più apprezzabile oltre che il più antico.
Non si trova all'interno del castagneto, ma isolato in un cortile, quasi a guardia del casolare del suo proprietario.
E se è vero che la maggior parte dei castagni presenti nel castagneto si presentano esibendo le loro strane e suggestive fattezze e la loro imponenza, altrettanto vero è che il Castagno di Montombraro aggiunge alla sua ammirevole stazza, anche un dato storico. Si da per certo, da queste parti, che il millenario albero avrebbe protetto con la sua ombra una sosta della Contessa Matilde di Canossa accompagnata da numeroso seguito.

Il castagno di Monteombraro

Come che sia, nel mentre il paesaggio nel suo insieme offre visioni da favola, e facili sentieri permettono di attraversarlo, l'ammirazione per il nostro castagno resta unica: Il suo isolamento permette di osservarlo nella sua interezza e...fotografarlo agevolmente per quanti amano portare indietro un ricordo.

L’albero è accompagnato da un cartello che ne certifica la monumentalità e sul quale c’è scritto: Alberi monumentali -Castagno secolare (Castanea sativa) - Altezza:mt 13 - Diametro: cm 254 (a mt 1,20 dal suolo) - Circonferenza alla base: circa mt 15,00.

Da molti abitanti del luogo e non solo, si ritiene che l’età di questo castagno sia almeno di 600 anni.
Le notizie storiche ci riferiscono che tutto il castagneto circostante fu impiantato nel 1400. Esperti in materia hanno stimato che possa avere un’età maggiore, addirittura 1000 anni; sarebbe quindi stato piantato al tempo di Matilde di canossa, e questo renderebbe verosimile la leggenda sopra accennata.
Prima della guerra la chioma dell'albero era alta e rigogliosa, poi durante la guerra le bombe cadute nei pressi danneggiarono alcuni rami e ridussero la chioma. E non fu l'unico danno, poichè le prime orde di turisti causarono spesso danni ai rami e alla corteccia del vetusto.
Nel 1980 ci si mise anche un'abbondante nevicata a tormentare il castagno che vide bruciate le sue foglie dal freddo e dal gelo.
Infine, nel 1984, il proprietario decise di recintarlo per evitare il continuo degrado causato dai visitatori a contatto diretto con la pianta. Purtroppo la recinzione gli toglie gran parte del fascino anche se lo protegge da quanti avrebbero scarso rispetto per questo monumento della natura.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.